Gianni Riotta: “Zamparini è stato un grande manager, Baccaglini…”

Gianni Riotta: “Zamparini è stato un grande manager, Baccaglini…”

L’ex direttore del TG1, originario di Palermo, dice la sua sulla situazione del calcio siciliano.

Commenta per primo!

Un annus horribilis per il calcio siciliano (salvezza in extremis dell’Akragas a parte). Retrocessione del Palermo in Serie B, retrocessione del Trapani in Lega Pro (remota l’ipotesi del ripescaggio), mancata promozione in B del Catania.

A dire la sua su questa netta flessione, con particolare riferimento ai rosanero, Gianni Riotta, scrittore e giornalista de La Stampa, ex direttore del TG1 e attuale docente a Princeton University. Segni particolari: nato a Palermo.

“Zamparini – dice Riotta al Giornale di Siciliaè stato un grande manager, Baccaglini non lo conosco. Ma gli sportivi siciliani non devono disperare: il futuro è tutto televisivo. Sassuolo, Chievo, Carpi hanno in confronto a Palermo ambiti risibili. Per avere una Serie A competitiva devi avere un Napoli forte, un Palermo forte, un Cagliari forte, una squadra della Puglia che deve essere rappresentata. Il futuro è roseo. Certo, i sindaci e le autorità locali devono mettere le società di calcio e le aziende in condizioni di crescere“. Riferimento anche alle lungaggini burocratiche che in questi anni non hanno permesso che partissero due importanti progetti per il club di viale del Fante: il nuovo stadio e il centro sportivo.

Closing Palermo: chi c’è davvero alle spalle di Baccaglini? Entro il 30 giugno…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy