VIDEO, tifoso Napoli allo Juventus Stadium: “Ho esultato al gol di Callejon tra i bianconeri che mi urlavano ‘Napoletano di m***a’”

Il racconto del sig. Violante, imprenditore napoletano riuscito ad entrare allo Stadium sabato sera nonostante la trasferta fosse vietata ai tifosi della squadra azzurra.

1 Commento

La foto che lo ritrae allo Stadium esultare al gol di Callejon tra migliaia di tifosi della Juventus ha fatto il giro del web.

Il sig. Violante, imprenditore napoletano, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Marte raccontando di essere stato l’unico spettatore all’impianto bianconero ad esultare alla rete dei partenopei (la trasferta era vietata ai tifosi napoletani).

Lei sabato dov’era? Non nella sua azienda, immagino…

“No, ero a Torino. Già alle sette meno un quarto ero allo Juventus Stadium (ride, ndr). Quando ho esultato, me ne hanno dette di tutti i colori. Mi hanno urlato ‘Napoletano di m…’. A mio avviso i tifosi della Juve non si sono comportati né bene né male: nella curva, però, sono stati molto aggressivi nei nostri confronti. Poi, quando ho esultato, mi è volato il telefono e ho perso anche l’orologio. Quindi dopo l’ho dovuto ritrovare (ride, ndr)”.

Come ha fatto a entrare allo Stadium, dato che la trasferta era vietata ai tifosi del Napoli?

“Ero ospite della Technogym insieme a dei miei familiari. Le sciarpe del Napoli? No, quelle le avevamo in tasca e lì sono rimaste”.

Che ha fatto quando ha segnato Higuain?

“Il Pipita è una persona che non rispetto e non stimo più, perché quello che ha fatto è inverosimile. Quindi non mi ha fatto né caldo né freddo il suo gol”.

Puoi guardare il video in alto a questo articolo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. icaruson_523 - 1 mese fa

    Direttore!! Come si fa ad approvare un articolo come questo? Incompetenza? Scarsa attenzione e/o superficialità? Certo che i media italiani sono una cosa sconcia e La Rosea non fa eccezione. Sempre più in basso. Che pena!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy