VIDEO Stefano Sorrentino torna a Palermo: “Closing, Zamparini-Baccaglini e mio messaggio ai tifosi”

Il video dell’intervista a Stefano Sorrentino, tornato quest’oggi a Palermo per presentare la sua autobiografia: “Momento storico per la società, Zamparini sta per lasciare. Gli allenatori, i giocatori, i dirigenti passano, ma il tifoso rimane”.

Commenta per primo!

Stefano Sorrentino torna a Palermo: il portiere del Chievo (probabilmente chiuderà lì la sua carriera, ndr) rivede l’ambiente rosanero per presentare la sua autobiografia, dal titolo Gli occhi della tigre.

A margine dell’evento, una chiacchierata coi cronisti presenti. “Al Palermo è mancato un gruppo quest’anno? Da fuori non si può dire con certezza. Non essendo presente all’interno dello spogliatoio, posso solo rispondere in merito all’anno nostro, dove tutti quanti, dal magazziniere all’ultimo tifoso, hanno e abbiamo dato qualcosa per la salvezza del Palermo – spiega -. Quello che è successo quest’anno, abitando a 1200 km di distanza, è difficile giudicarlo appieno e da capire. Ciò che posso dire è che da ex capitano e tifoso del Palermo, mi è dispiaciuto molto vedere la squadra retrocedere“.

LITE BALLARDINI“La lite con Ballardini è servita, a modo suo, a determinare la salvezza del Palermo? Vista a posteriori, sì (ride, ndr). Lì per lì, dopo quella vittoria di Verona e la nostra discussione, siamo incappati in 14 partite senza vittoria, se non ricordo male. Quando il mister Ballardini è tornato, poi, ci siamo chiariti insieme a tutta la squadra. Da lì in poi sono state giocate delle partite importanti, con tantissimi punti collezionati e la salvezza è stata poi una conseguenza“.

LOTTARE – “Come ho vissuto le ultime vicende del Palermo? Da lontano non è semplice dire le cose come stanno esattamente. Purtroppo ora il Palermo dovrà ripartire dalla Serie B. Questa è una piazza abituata a lottare… Quattro anni fa eravamo in Serie B e la gente ricorda come si fa per dare il contributo da fuori affinché la squadra ritorni in A“.

CLOSING – “Quello attuale è un momento storico per il Palermo. Dopo tanti anni, Zamparini lascerà. Chiunque arriverà, in questo caso Baccaglini, sa che potrà contare su un patrimonio importantissimo, che è la gente. La gente è fondamentale per il Palermo. Io dico sempre: gli allenatori, i giocatori, i dirigenti passano, ma il tifoso rimane. Quindi vedere il Barbera pieno per chi ci gioca è una cosa grandiosa. L’appello che faccio ai tifosi è quello di seguire la squadra, di sostenerla e amarla come hanno fatto nei tre anni e mezzo in cui io ho indossato questa maglia“, ha concluso Sorrentino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy