VIDEO, orrore a Casablanca: 3 morti durante Raja-Chabab Rif Al Hoceima

Il video della tragedia.

Commenta per primo!

Le immagini e il racconto dei testimoni fanno correre la mente al 2012, agli scontri di Port Said in cui morirono 74 persone, ma fortunatamente quello che è accaduto nella notte di sabato a Casablanca non raggiunge il bilancio di morti e feriti del funesto precedente egiziano. Quello diffuso dalle autorità marocchine resta un bilancio comunque terribile, pesante e insensato, soprattutto perché associato allo sport: 3 morti e 54 feriti è il computo della Direzione generale della sicurezza nazionale, che sui fatti ha aperto un’inchiesta. Lo stadio ‘Mohammed V’ della città marocchina ospitava sabato sera la partita della ventunesima giornata del massimo campionato, tra Raja Casablanca e Chabab Rif Al Hoceima. Una gara importante per la classifica, con le due squadre separate da un solo punto. Un incontro accompagnato da tensione già alla vigilia, quando – si legge su ‘La Gazzetta dello Sport’ – la polizia ha arrestato dieci persone per atti vandalici. Secondo la prima ricostruzione della autorità, al termine del match i tifosi delle due squadre sarebbero arrivati allo scontro corpo a corpo, accompagnato da una fitta sassaiola. Ma i racconti di chi c’era e i video diffusi da alcuni siti d’informazione locale parlano di una realtà diversa, quella di tafferugli tra gruppi organizzati della tifoseria di casa: da un lato gli Ultras Eagles, dall’altro i Green Boys, nel mezzo tanti, anzi troppi spettatori, visto che secondo le testimonianze in curva c’erano circa 20mila persone, contro una capienza di soli 8mila posti. Niente polizia, nessuna avvisaglia di ciò che sarebbe accaduto di lì a poco dentro e fuori l’impianto. Due i decessi nella notte, uno in mattinata, tutti minorenni: un bilancio che rischia di dover essere aggiornato in base alle condizioni dei quattro tifosi in rianimazione, così come andrà aggiornato il bilancio degli arresti (tra i 30 e i 40; una decina le auto distrutte) al termine delle indagini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy