VIDEO, intervista a Zamparini: “Presi tanti bidoni a gennaio. Maradona, Belotti e la salvezza…”

Il video dell’intervista rilasciata dal presidente rosanero a poche ore dall’inizio del match Empoli-Palermo.

Commenta per primo!

“Come si fa a non prendere bidoni a gennaio? Difficile, sapeste quanti ne ho presi io“.

Inizia così l’intervento di Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, sulle frequenze di Radio Due nel corso del talk ‘L’Italia nel Pallone‘. “Di solito i bidoni li ho presi credendo alle persone, dicendo a qualche procuratore che si professava amico: ‘Ok, mi fido di te, me lo assicuri’, senza guardarlo. Con collaboratori come Sabatini e Foschi è più semplice evitare di prendere bidoni. Per quattro giocatori buoni, ho preso 10 bidoni – ha proseguito -. Il calcio è un gioco che vale la candela solamente dal punto di vista economico, mentre sul piano del ritorno di immagine è uno strumento grandissimo. Non mi diverto come una volta. Quando vedo delle squadre giocare bene a calcio, mi sento un po’ a teatro. Però il mio calcio non è più questo: dovremmo tornare ai valori di una volta. Ho perso l’entusiasmo e sto cercando la cordata che subentri al Palermo. Anche se non riuscirò a vendere la società, creerò un nuovo organigramma societario. Maradona? Lo farei giocare e non recitare a teatro. Dio fa dei doni alle persone, ma a lui ha dato solo il dono del calcio. Belotti? Sono felice per lui. Al Palermo ha avuto una piccola caduta e non pensavo che potesse crescere così tanto. Non ci credevo molto. La clausola di 100 milioni? E’ una clausola spropositata. Un mio rimpianto tra gli allenatori? Uno di questi ha deciso di andarsene e non tornare più, parlo di Guidolin. Mi sono pentito con Ventura, con Zaccheroni… Io ho il record degli allenatori esonerati (ride, ndr). De Zerbi? Io credo ancora in lui, l’unico problema però è che era presuntuoso: non era umile da capire che la Serie A non è la Lega Pro. Guardiola lasciamolo al Barcellona, perché lì ha grandi calciatori: voler fare il calcio di Guardiola al Palermo, con questi giocatori del Palermo, è utopistico. Lui diventerà un grande allenatore perché ha un progetto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy