Zamparini: “Dissidi con Colantuono? Voleva tenere De Melo e mandar via Cavani”

Zamparini: “Dissidi con Colantuono? Voleva tenere De Melo e mandar via Cavani”

Maurizio Zamparini è certamente uno dei dirigenti più esperti del nostro calcio, ma anche uno dei presidenti a vantare il maggior numero di allenatori ingaggiati in carriera. Può.

Commenta per primo!

Maurizio Zamparini è certamente uno dei dirigenti più esperti del nostro calcio, ma anche uno dei presidenti a vantare il maggior numero di allenatori ingaggiati in carriera. Può essere dunque un punto di riferimento quando si tratta di presentare un nuovo tecnico. Il Messaggero Veneto ha chiesto al patron rosanero un parere su Stefano Colantuono, appena approdato all’Udinese. “E’ una persona seria innanzi tutto. Grande lavoratore, ne ho visti pochi impegnarsi così. Buon tecnico, all’Udinese farà bene. Da friulano posso dire ai tifosi bianconeri che devono stare tranquilli. L’ho cacciato due volte? Sì, ma erano tanti anni fa. Il problema è che io sono un presidente poco presente al campo. Abito a più di mille chilometri dalla Sicilia. I Pozzo con Colantuono non avranno problemi, potranno controllarne il lavoro giorno dopo giorno. Gli staranno vicino. E poi adesso come allenatore è maturato molto, a Bergamo ha fatto ottime stagioni. Io lo cacciai, poi arrivò un altro allenatore, non ricordo nemmeno chi, lo ripresi, lo ricacciai. Andavamo d’accordo, anche se con Cavani proprio non la pensavamo allo stesso modo. Pensi che voleva che lo girassimo in prestito in Inghilterra al West Ham, gli preferiva un brasiliano lungagnone che avevamo preso in Francia, un colpitore di testa…come si chiamava (tale Tulio de Melo ndr)…Ma tranquilli, i Pozzo hanno visto giusto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy