Udinese, Pozzo: “Ritiro Di Natale? Oggi è una giornata triste, se ci ripenserà le porte saranno aperte”

Udinese, Pozzo: “Ritiro Di Natale? Oggi è una giornata triste, se ci ripenserà le porte saranno aperte”

L’emozione del patron dei friulani per il ritiro dal calcio giocato di Antonio Di Natale.

Commenta per primo!

Dopo 605 gare da professionista e 257 reti in totale è arrivato il momento di smettere per Antonio ‘Totò’ Di Natale che a 38 anni ha deciso di appendere le scarpette al chiodo. Dopo il ritiro di Luca Toni ecco che lascia il calcio giocato un altro dei campioni assoluti e proprio per ricordare la sua straordinaria carriera il presidente dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, ha rilasciato in conferenza stampa alcune dichiarazioni. “E’ una giornata emozionante, soprattutto pensando al futuro. Non è facile sostituire un giocatore così. Ci ha fatto divertire e ci ha dato tanto, sono un grande tifoso dell’Udinese, come tutti quelli che sono andati in trasferta e che hanno sofferto. Abbiamo avuto la fortuna di avere un campione assoluto e direi che ci mancherà soprattutto sotto il profilo tecnico. Se abbiamo sofferto quest’anno è perché Di Natale non ci ha dato il solito contributo di gol a causa di vari acciacchi. E’ un momento difficile da affrontare, Di Natale si è legato a Udine, ci ha fatto divertire e tutti noi gli riserviamo un grande affetto. Io dico sempre che se Totti gioca, può farlo anche lui: fisicamente sta anche meglio del giallorosso e all’Udinese sappia che le porte sono sempre aperte: se mi dicesse che vuole rimanere un anno, in aiuto allo spogliatoio va bene, ma non è nelle sue corde. Per me può fare anche due anni, ma deve prendere atto che non più il Di Natale di anni fa”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy