Roma-Udinese, Tudor: “Dobbiamo essere umili, Ranieri è un signore. Non sarà facile, ma ci proveremo”

Roma-Udinese, Tudor: “Dobbiamo essere umili, Ranieri è un signore. Non sarà facile, ma ci proveremo”

Le dichiarazioni del tecnico dei friulani Igor Tudor alla vigilia di Roma-Udinese

L’Udinese affronterà domani alle 18.00 la Roma all’Olimpico.

Il tecnico dei friulani Igor Tudor, alla vigilia del match valido per la trentaduesima giornata del campionato di Serie A, ha parlato di cosa serve ai suoi per conquistare la salvezza:
“Non ho mai fatto calcoli, non mi piace. Posso vedere Empoli-Napoli e tifare per il Napoli, ma guardare la classifica non ha senso. Vedere le altre partite mi innervosisce, quindi meglio non guardare. Non ci credo troppo nella tranquillità, non esiste. O ci sei o non ci sei, o vai al 100% o non vai. Poi possiamo parlare di confidenza, consapevolezza, ma tranquillità no, leggerezza nemmeno, nel mio modo di vedere calcio, partite. Se vai 2-0 e c’è leggerezza, vai 2-2 in cinque minuti. Andiamo con gli undici migliori, vediamo cosa succede. Non sappiamo poi cosa succede, perché poi c’è Lazio e Sassuolo. Non mi piace quando ci sono troppe partite ravvicinate. Perché poi ha poco tempo per preparare il Sassuolo. Alla fine conta l’atteggiamento, oltre all’approccio e alla qualità. Non do tanta importanza, anche se piace discutere della tattica. Ho parlato molto con i ragazzi per far capire ciò che è fondamentale. Quello che è successo ieri conta zero, se siamo intelligenti e bravi sfruttiamo questi sette punti per migliorare. Se siamo stupidi, non lo facciamo. Dobbiamo essere umili. La Roma ha un allenatore che ha fatto un’impresa storica nel mondo del calcio, è bravissimo, grande esperienza, è un signore. Ha dei grandi campioni, giocano in casa, lottano per la Champions. Non sarà facile, ma noi andiamo con i nostri mezzi a prepararla al meglio possibile“.

L’allenatore bianconero, inoltre, ha parlato dei giocatori a sua disposizione:
Opoku è fuori, Behrami anche. C’è di nuovo una settimana con tre partite, ci mancano un po’ di pezzi. Accettiamo la situazione, andiamo con gli undici più forti domani. Vediamo partita per partita che è poi quello che si deve fare. Barak ha fatto due allenamenti con noi, poi grande pausa di un paio di settimane per un livello che gli permette di giocare. Vediamo se riuscirà a darci una mano nelle ultime partite. Pussetto ha avuto questo problema con il ginocchio, ha saltato un paio di allenamenti. Si è ripreso, è tra i convocati“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy