Digos: Lo Monaco si è adoperato per alterare l’esito di Messina-Ischia, i dettagli

Digos: Lo Monaco si è adoperato per alterare l’esito di Messina-Ischia, i dettagli

Nelle scorse ore la Questura di Catania ha diramato una nota con cui ha svelato ulteriori dettagli nell’ambito dell’operazione “I treni del gol”.
.

Commenta per primo!

Nelle scorse ore la Questura di Catania ha diramato una nota con cui ha svelato ulteriori dettagli nell’ambito dell’operazione “I treni del gol”.

“Sono in corsa di notifica ulteriori analoghi provvedimenti a carico di altri calciatori di ‘Serie B’, oltre ai già citati Fiamozzi (Varese), Pagliarulo (Trapani), Daì (Trapani), Terlizzi (Trapani), Bruscagin (Latina) e Bernardini (Livorno). A ciò si aggiunge che l’attività investigativa della Digos ha svelato anche un incontro di calcio di ‘Lega Pro’ (girone C) oggetto di alterazione: Messina-Ischia Isola Verde del 18.04.2015 terminata con il risultato di 1-1. In tale occasione, i vertici della società peloritana, costituiti dal patron Pietro Lo Monaco (ex amministratore delegato del Catania), dall’amministratore delegato Alessandro Failla e dal direttore sportivo Fabrizio Ferrigno, si sarebbero adoperati affinché la citata partita terminasse con il risultato prestabilito del vantaggio temporaneo dell’Ischia nel primo tempo e del pareggio quale esito finale. La motivazione della frode sarebbe legata al consistente profitto ricavabile da tale tipologia di scommessa della quale si sarebbe occupato anche in questo caso l’Impellizzeri. Le varie agenzie quotavano infatti l’incontro con quello specifico risultato parziale/finale, poi concretizzatosi effettivamente in quegli esatti termini, fino anche a 19 volte la posta. I suddetti risultano pertanto anch’essi indagati per il reato in concorso di frode in competizione sportiva aggravata dall’essere la stessa influente ai fini dello svolgimento di concorsi pronostici e scommesse regolarmente esercitati”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy