Torino-Palermo 2-2: buon punto ma rosa rimontati due volte, il commento finale

Torino-Palermo 2-2: buon punto ma rosa rimontati due volte, il commento finale

di Mariano Calò
.

Commenta per primo!

di Mariano Calò

Il Palermo ha trovato un punto prezioso sul campo del Torino, ma si rammarica per essersi fatto riprendere per ben due volte dai granata. All’Olimpico i rosanero sono passati in vantaggio con Rigoni, al secondo gol stagionale. Un’ingenuità di Andelkovic ha regalato a Martinez la palla del pari, ma grazie all’ennesima prodezza di Dybala il Palermo è comunque riuscito ad arrivare all’intervallo avanti di un gol. Nella ripresa Glik ha fissato il risultato sul 2-2.

BOTTA E RISPOSTA – La prima conclusione della partita è di marca rosanero, col fischiatissimo Maresca che non ha centrato la porta dalla distanza. L’infortunio di Daprelà costringe Iachini a bruciare il primo cambio dopo soli 15 minuti. Non passa molto e il Palermo trova il vantaggio, proprio con una azione che nasce dalla fascia sinistra: Dybala serve Belotti all’altezza della lunetta dell’area di rigore, l’attaccante non arriva sul pallone, ma il suo diventa quasi un velo per l’accorrente Rigoni, il centrocampista trova la coordinazione giusta per concludere a rete battendo Gillet. A riaprire la gara è Martinez, lesto ad approfittare dell’ingenuità di Andelkovic e a battere Sorrentino. Il difensore sloveno ha provato un complicato anticipo sull’ex-Young Boys ed ha permesso a Martinez di girarsi e calciare a tu per tu con il portiere.

LA PARTITA SI ACCENDE – Il gol del pareggio rende più bella e viva la gara, con occasioni da entrambe le parti. Prima Belotti sfrutta male un bel contropiede, poi Quagliarella spara alto con una conclusione delle sue. Per diversi minuti i rosanero hanno sofferto il ritorno dei granata: a scompaginare l’assetto difensivo dei rosanero è stato il cambiamento tattico operato da Sullo, che ha spostato sulla trequarti El Kaddouri, autentica spina nel fianco dei rosa nel finale di partita. Ma proprio mentre i padroni di casa sembravano vivere il loro momento migliore una perla di Dybala ha riportato avanti la squadra di Iachini. Al 43′ il talentuoso argentino si è portato avanti col tacco un cross teso di Lazaar e da posizione impossibile riesce a superare Gillet in uscita.

ASSEDIO TORO – Iachini sorprende tutti e nella a inizio ripresa sostituisce di nuovo l’esterno sinistro: fuori Lazaar e dentro Emerson. Il Torino comincia un assedio forsennato alla porta di Sorrentino: Morganella non riesce minimamente ad arginare uno scatenato Darmian, mentre Quagliarella ci prova un po’ da tutte le posizioni esaltando i riflessi del grande ex Sorrentino. Dopo quasi venti minuti di solo Toro è Glik a rimettere in parità la partita eludendo la marcatura di Gonzalez e battendo di testa Sorrentino sugli sviluppi di un corner.

FORCING FINALE – Raggiunto il pari il Torino ha avuto un fisiologico calo che permette al Palermo di rifarsi sotto. L’occasione più grossa la crea ancora Dybala, fenomenale anche questa sera, che per poco non mette Belotti davanti a Gillet. Nel frattempo Sullo inserisce in campo Amauri, ex amatissimo in Sicilia. Proprio per marcare il brasiliano Munoz mette dietro il proprio portiere il cross teso di Darmian. Per il sollievo degli uomini di Iachini il guardalinee segnala un fuorigioco millimetrico che salva il risultato. Per gli ultimi cinque minuti il Palermo perde anche Maresca, sostituito da Bolzoni. C’è il tempo per gli ultimi brividi, tutti sulla schiena dei sostenitori rosanero: Darmian ci prova da fuori, poi Gonzalez salva sugli sviluppi di una punizione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy