Torino, Mihajlovic: “Belotti e Ljajic out contro l’Atalanta. Ringrazio la società per gli sforzi sul mercato”

Il tecnico granata presenta la sfida all’Atalanta di domani pomeriggio, non lesinando parole d’elogio nei confronti della dirigenza del Toro.

Commenta per primo!

Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico del Torino Sinisa Mihajlovic ha presentato la sfida all’Atalanta di domani pomeriggio, chiarendo la situazione relativa agli infortunati e non disdegnando parole d’elogio nei confronti della dirigenza granata per i grandi sforzi operati in sede di mercato.

Di seguito, ecco quanto evidenziato direttamente dal sito ufficiale del Toro.

“Volevo ringraziare la Società per gli sforzi compiuti durante il mercato estivo. So che hanno fatto di tutto per accontentarmi: la rosa è sicuramente buona. In qualche ruolo abbiamo meno alternative ma dovremo superare queste lacune restando uniti come un pugno – chiarisce Mihajlovic -. Dobbiamo esserlo per tutto l’anno e in ogni partita. Abbiamo un bel mix di giocatori esperti e di qualità e di giovani con un grande futuro davanti. Dobbiamo lottare con le squadre che puntano all’Europa: se poi ce la faremo o meno dipenderà non solo da noi ma anche dalla fortuna, che significa non avere tanti infortunati tutti insieme soprattutto nelle partite che sono alla nostra portata.  Al di là di tutto noi siamo il Toro e dobbiamo lottare sempre e provare a fare sempre il nostro gioco. Non troveremo mai alibi e scuse, ma cercheremo in settimana di lavorare ancora di più per migliorare. Situazione infortunati? Oggi e domani vedremo la situazione di Martinez e Maxi Lopez, mentre Ljajic e Belotti sicuramente saranno out. Andremo a Bergamo per lottare e dare tutto: sono sicuro che chi scenderà in campo darà il 100% per ottenere il massimo. Hart? Per noi è stata una grande opportunità e lo abbiamo preso al volo – ammette il tecnico serbo -. Con lui e Padelli siamo a posto per quanto rigurda la porta. E’ un ragazzo molto voglioso e gli ho parlato prima che firmasse perchè volevo verificare che fosse carico. Sono molto contento di lui e anche con i ragazzi ha instaurato un bel rapporto. Noi dobbiamo sempre giocare per vincere anche si siamo consapevoli che delle volte potremo anche perdere. Occorre avere i giusti equilibri e cercare le verticalizzazioni partendo da una base di compattezza”. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy