Perinetti: “Belotti vuole andare agli Europei, mi aspetto finale da urlo da parte sua”

Perinetti: “Belotti vuole andare agli Europei, mi aspetto finale da urlo da parte sua”

Parla l’ex responsabile dell’area tecnica del Palermo che portò proprio il Gallo in Sicilia nel 2013.

Commenta per primo!

Un finale di stagione in cui si decideranno alcune posizioni in classifica, ma anche certe gerarchie in vista degli impegni estivi tra Nazionali (Europei prima, Copa America poi).

Abbastanza coinvolto in questa challenge anche Andrea Belotti. Il suo Torino non può più concorrere per raggiungere un piazzamento valido per l’Europa, ma il Gallo ha a disposizione gli ultimi centottanta minuti di campionato per convincere definitivamente Antonio Conte a puntare su di lui per gli Europei di Francia.

Nazionale: Belotti, Zaza o Vazquez? Conte ci pensa in vista di Euro 2016

Nel prossimo turno i granata di Ventura affronteranno un Napoli che intende mantenere la seconda posizione. In vista della gara dell’Olimpico di Torino, parla il ds del Venezia nonché scopritore del classe ’93, Giorgio Perinetti. “Il Napoli ha meritato questo secondo posto, soprattutto per il gioco espresso. Il Torino è una squadra libera mentalmente ma che cercherà di sostenere Belotti che potrebbe ancora andare agli Europei: i granata giocheranno per il proprio attaccante e per la classifica. Da parte di Belotti mi attendo un finale di stagione di alto livello. Dall’altra parte, il Napoli può fare risultato perché è in salute, ha un Higuain che sta inseguendo questo record, ma non si può aspettare una partita facile”.

Retroscena Sacchi – In un’intervista rilasciata a Radio Marte, spazio anche per svelare un retroscena relativo ai partenopei, di cui è stato dirigente negli anni ’80. “Nel post-Maradona, consapevoli della difficoltà nel sostituire una grande individualità come Diego, pensammo a Sacchi come allenatore del Napoli, ma purtroppo ci disse di no perchè aveva dei vincoli contrattuali che legavano al Milan. A quel punto decidemmo di puntare su un tecnico emergente e la scelta cadde su Ranieri, che fu bravissimo a lanciare Zola”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy