Mihajlovic: “Rivoglio la legge del Grande Torino. Ljajic e Belotti…”

Mihajlovic: “Rivoglio la legge del Grande Torino. Ljajic e Belotti…”

Le parole del tecnico del Torino Sinisa Mihajlovic alla vigilia del match contro l’Atalanta di Giampiero Gasperini.

Commenta per primo!

Alla vigilia della sfida del Torino in casa contro l’Atalanta, il tecnico granata Sinisa Mihajlovic si dice insoddisfatto delle prestazioni della sua squadra, reduce da tre pareggi consecutivi in campionato.
L’anticipo del sabato sera, valevole per la quindicesima giornata di Serie A, è per entrambe le compagini uno scontro diretto in chiave Europa League.

Abbiamo bisogno di una vittoria e vorrei vedere lo spirito del Toro dello scorso anno, quando imponevamo la legge del Grande Torino. Quest’anno facciamo punti fuori casa e a Torino c’è stato qualche pareggio di troppo.
Contro l’Atalanta è confermato il 4-3-3: in assenza dell’infortunato Niang in attacco scenderanno in campo Ljajic, Iago Falque e Belotti, in difesa tornano invece Nkolou e Burdisso. Verso i singoli il mister ha forti pretese: “Ljajic sa che non sta facendo bene e domani mi aspetto molto da lui e Belotti. Deve fare la differenza, ma se non mi convince va in panchina come tutti gli altri. Ho parlato con lui e sa che non sono contento: dipende da lui, quando gioca deve essere determinante e ultimamente non lo è. Per noi è importante, ma deve dimostrarlo in campo. Riguardo a Belotti io spero che il gol al Carpi possa essere la svolta del suo campionato. Per un attaccante i gol sono fondamentali, ora si è sbloccato e mi aspetto molto da lui contro l’Atalanta. Lyanco sta crescendo, ma deve imparare ad usare più la testa del fisico.
A proposito degli avversari: “L’Atalanta è un’ottima squadra e per questo sarà una partita fisica difficile: contro Gasperini si gioca male, ma noi dobbiamo sfruttare le occasioni che ci creeremo.
Ma guardando all’ultima partita di campionato giocata, il pareggio a San Siro contro il Milan è costato la panchina a Vincenzo Montella: “Spiace per lui perché è un amico, ma sono felice per Gattuso che è un altro mio amico. Come diceva il Trap: ci sono allenatori esonerati e quelli che verranno esonerati. Il Milan ha un’ottima squadra, ma ha trovato difficoltà: non so se cambierà tutto con Rino e se può essere un vantaggio per noi nella corsa all’Europa. Tutte le squadre hanno pregi e difetti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy