Belotti: “Shevchenko mio primo modello, ora provo a rubare i segreti ad Aguero”

Belotti: “Shevchenko mio primo modello, ora provo a rubare i segreti ad Aguero”

L’intervista al centravanti del Torino che lunedì sera affronterà il suo passato.

Commenta per primo!

Nel corso di un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport‘, il centravanti del Torino, Andrea Belotti, ha parlato dei modelli a cui si è ispirato in questi anni.

“Facile: Sheva. Stregato da una partita a San Siro con Manuel, per me era una specie di santo: poteva esserci in campo Maradona, io vedevo solo Shevchenko. Di lui avrei voluto tutto, di tutti gli altri attaccanti che ho “studiato” una qualità a testa – racconta -: la freddezza sotto porta di Mario Gomez, la facilità di smarcarsi di Torres, lo strapotere fisico di Drogba. Oggi provo a rubare qualche segreto ad Aguero: movimenti, senso della posizione, come sente la porta e arriva sulla palla prima degli altri. Fa gol sempre e in tutti i modi ed è pure un leader, di quelli che piacciono a me. Lo sentite parlare spesso? Quasi mai: però parla in campo”.

Belotti: “Per il Palermo rinunciai a 400mila euro”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy