Belotti: “Mio idolo Schevchenko, ma studio Aguero. Mi tengo stretto la Nazionale”

Belotti: “Mio idolo Schevchenko, ma studio Aguero. Mi tengo stretto la Nazionale”

Le parole del centravanti della Nazionale Italiana, Andrea Belotti: sabato scorso una doppietta per lui contro il Liechtenstein.

Commenta per primo!

Complimenti a destra e a manca per Andrea Belotti che continua a segnare, sia con la maglia del Torino con quella della Nazionale.

Sabato sera sono arrivati altri due gol per il Gallo che, contro il Lichtenstein a Vaduz, ha anche fornito un assist per la rete del compagno di reparto, Ciro Immobile.

Oggi il centravanti classe ’93 ha parlato alla stampa, in quella che è la vigilia del match con la Germania.

Italia, Ventura: “Non temo batoste dalla Germania, ho chiesto che la Serie A inizi prima”

“Il mio unico pensiero deve essere dare il massimo ogni volta che ho l’opportunità di giocare e fare più gol possibili per me stesso e la squadra. Cercherò di tenermi stretto questa maglia – ha detto al ‘CdS‘ l’ex Palermo -. Il mio idolo in gioventù è sempre stato Shevchenko, ma ultimamente sto cercando di studiare tanti attaccanti, su tutti Aguero perché è un giocatore brevilineo. In cosa posso migliorare? In tutto, io sono sempre uno che pensa di poter migliorare sotto ogni punto di vista. Non mi pongo mai limiti, sono fissato. Qual è il mio segreto per la media media gol? Quando sono arrivato ho avuto qualche difficoltà, ma poi è arrivata la partita con il Bologna dove mi sono sbloccato e tutto è partito da lì“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy