Lotito: “Salernitana, taglierò gli stipendi più alti. Prossima Serie B…”

Lotito: “Salernitana, taglierò gli stipendi più alti. Prossima Serie B…”

Claudio Lotito, presidente della Lazio e co-proprietario della Salernitana, parla della prossima stagione in cadetteria: “Tecnico Bollini riconfermato. E taglierò gli stipendi più alti”.

Commenta per primo!

Tra le 21 avversarie del Palermo nella prossima Serie B, anche la Salernitana che quest’anno ha terminato il campionato al decimo posto.

A parlare, dopo tanto tempo, in casa granata è il co-proprietario, Claudio Lotito. “Alberto Bollini si è meritato la riconferma sul campo. Non mi sembra che abbia fatto male. Anzi. Per la prossima stagione costruiremo una squadra con caratteristiche funzionali al proprio allenatore – ha annunciato attraverso le colonne de Il Mattino -. Mi pare che Bollini già in passato abbia dato il meglio di sé quando ha lavorato con i giovani”.

GIOVANI –La qualità dei giocatori non passa soltanto attraverso i nomi blasonati. Basti pensare ad alcuni elementi che con la Lazio, abbiamo mandato in altre squadre ed hanno fatto bene. Palombi e Germoni, potrebbero andare a Salerno? Non solo loro. Basta guardare cosa è accaduto con Strakosha: l’anno scorso veniva criticato a Salerno, quest’anno ha giocato titolare nella Lazio… Forse serviva un allenatore che curasse meglio i giovani“.

COME IL LEICESTER – “I giovani devono sentire la fiducia dell’ambiente: Salerno deve capire che i ragazzi hanno bisogno di supporto. Alla Lazio, ad esempio, abbiamo fatto debuttare giovani che forse la piazza granata avrebbe respinto. I fatti hanno dimostrato che erano validi. In Premier lo scorso anno ha vinto il Leicester, una squadra con tanti giovani. Bisogna superare gli stereotipiche i giovani siano incapaci e gli esperti i migliori. Va creato un mix vincente. Tutto questo passa attraverso il supporto, l’affetto e la considerazione dei tifosi, altrimenti non si vada nessuna parte”.

STIPENDI ALTI –Tagliare gli stipendi più alti? Certo, questa è la prima cosa da fare. Non possiamo ogni anno rimetterci 3-4 milioni di euro. Entrate ed uscite devono procedere di pari passo. Taglieremo lì dove sarà necessario. Coda ha reso, Rosina a tratti. Schiavi e Zito? Anche loro hanno contratti importanti se guardiamo presenze e minutaggio. Questo dimostra che non sempre curriculum e fama sono sinonimo di rendimento. Per ora non ci sono nomi da fare: non siamo ancora entrati nel dettaglio. Se dobbiamo inserire giocatori che costano un sacco e non rendono è tutto inutile”.

OBIETTIVI – “Vogliamo fare sempre meglio. Vediamo di allestire una squadra competitiva. Poi Dio provvede. Quello appena passato era un campionato facile, l’anno prossimo sarà difficilissimo. Quest’anno per due punti non abbiamo centrato i play off, a causa di una serie di situazioni”, conclude Lotito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy