Ranieri: “Siamo tornati con i piedi per terra. Totti atleta unico, Juventus più che una squadra”

Ranieri: “Siamo tornati con i piedi per terra. Totti atleta unico, Juventus più che una squadra”

L’intervista al tecnico del Leicester, Claudio Ranieri.

Commenta per primo!

Per Claudio Ranieri e il suo Leicester sarà difficile ripetere la clamorosa stagione dell’ultimo anno che ha visto l’allenatore romano trionfare in Premier League contro ogni pronostico. Solo 8 punti in questo avvio di stagione per le ‘Foxes’, ma punteggio pieno nel girone di Champions League.

Intervenuto ai microfoni di ‘Radio 1, Claudio Ranieri, ha detto la sua sugli obiettivi stagionali della propria squadra, soffermandosi anche sullo stato di forma del capitano giallorosso Francesco Totti e sulla situazione in Serie A: “Per noi sarà un anno difficile perché siamo tornati coi piedi per terra dopo un anno incredibile. L’anno scorso avevamo la funivia, quest’anno partiamo dal campo base. Quest’anno dobbiamo dimostrare su tutti i campi di essere campioni, ma non va bene pensare di potersela giocare alla pari contro tutti – ha ammesso -. Non siamo al livello degli altri, siamo nella media, mi aspettavo una partenza difficile. In Champions siamo partiti bene, sarebbe bellissimo arrivare alla fase a eliminazione diretta. Totti? o glielo dicevo che avrebbe potuto giocare anche a 40 anni, è un atleta unico. Se uno è un campione, è perché sa gestirsi e per ciò che mi riguarda, inoltre, gestirlo è di una semplicità estrema, è complicato gestire tutto l’intorno. Totti ha accettato un impiego ‘alla Altafini’ e fa la differenza. Un pensiero sulla serie A? La Juventus sta rispondendo a quello che tutti pensavamo sulla carta. Non è solo una squadra, è un club. I bianconeri stanno facendo un lavoro eccellente e va dato merito di questo alla società“.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy