Napoli-Zuniga: è guerra. La società vuole punire il calciatore per alcune dichiarazioni non autorizzate

Napoli-Zuniga: è guerra. La società vuole punire il calciatore per alcune dichiarazioni non autorizzate

Il difensore del Napoli, Juan Camilo Zuniga, contro le scelte del tecnico Sarri

Commenta per primo!

Da tempo ai margini del progetto tecnico di Maurizio Sarri. Il difensore colombiano che ha ben figurato durante il Mondiale, non riesce più a trovare spazio nell’undici titolare della squadra campana. Non un epilogo felice per Juan Camilo Zuniga che sembra davvero arrivato agli sgoccioli della sua avventura nel Napoli, durata ben sei anni (162 presenze e 4 gol). Il terzino, contrariato dalle scelte societarie si era così espresso al quotidiano colombiano ‘El Tiempo’, in un’intervista non autorizzata e per la quale sarà probabilmente multato dalla società : “Ho parlato anche con il direttore sportivo (Giuntoli n.d.r.), si aspetta il mercato invernale, ma se vogliono vendermi devo giocare – aveva così dichiarato Zuniga -. Sarebbe più facile il trasferimento se giocassi, sono in silenzio da troppo tempo, mi chiedono il perchè nel mio paese, ma io sto bene. In Coppa America ero in ottima forma, a Napoli non gioco a causa della società”.

Dichiarazioni che non sono piaciute al presidente De Laurentiis e all’intero staff partenopeo, che adesso valuta sanzioni nei confronti del colombiano in rottura con la società. Il Napoli, in particolare, sembra non aver apprezzato del tutto il rifiuto del difensore classe ’85 al trasferimento nella Sampdoria nell’ ultimo giorno di mercato, rifiuto che fece saltare, inoltre, l’arrivo di Roberto Soriano alla corte del tecnico Sarri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy