Giudice Sportivo: curve di Lazio e Inter chiuse per un turno

Giudice Sportivo: curve di Lazio e Inter chiuse per un turno

Le decisioni del Giudice Sportivo di Serie A.

2 commenti

In data odierna sono state diramate le decisioni del Giudice Sportivo alla luce del 34esimo turno di campionato. Ecco il comunicato.

Il Giudice sportivo,

rilevato che dalla relazione della Procura federale risulta che numerosi sostenitori della Soc. Internazionale (l’80% dei circa settemila spettatori collocati nel settore dello stadio denominato “secondo anello verde”), al 20° del secondo tempo, indirizzavano al calciatore del Napoli n. 26 Koulibaly cori espressivi di discriminazione razziale; valutata l’evidente rilevanza disciplinare di tale comportamento ex art. 11, n. 3, CGS per la sua “dimensione” e per la sua “reale percezione”, come precisato dai collaboratori della Procura federale, opportunamente posizionati, e segnalato dallo stesso Direttore di gara, che disponeva regolare annuncio dall’altoparlante dello stadio; considerato che sussistono le condizioni per la concessione del beneficio di cui all’art. 16, n. 2bis, CGS;

P.Q.M.

delibera di sanzionare la Soc. Internazionale con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “secondo anello verde” privo di spettatori, disponendo che l’esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione“.

Il Giudice Sportivo,

letta la relazione dei collaboratori della Procura federale relativa alla gara in oggetto, nella quale si attestano cori di discriminazione razziale ripetuti all’indirizzo del calciatore della Roma Rudiger, in particolare effettuati al 41° del primo tempo e al 47° del secondo tempo; considerato che in base alla relazione suddetta emergono comportamenti rilevanti per dimensione e percezione reale (nel secondo caso 80% dei 7.000 occupanti il settore di provenienza del coro), a norma dell’art. 11, n. 3, CGS, ai fini della punibilità degli stessi; considerato che sussistono le condizioni per la concessione del beneficio di cui all’art. 16, n. 2bis, CGS;

P.Q.M.

delibera di sanzionare la Soc. Lazio con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato “Curva Nord” privo di spettatori, disponendo che l’esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione”.

Ammenda di € 15.000,00 con diffida alla Soc. GENOA per avere suoi sostenitori, al 7° del secondo tempo, acceso fumogeni nel proprio settore che comportavano, stante l’intensità e il numero degli stessi, l’interruzione della gara per circa due minuti a causa della scarsa visibilità; per avere inoltre, alla ripresa del giuoco, lanciato un bengala acceso sul terreno di giuoco, in prossimità del portiere della squadra avversaria, causando una sospensione ulteriore di circa un minuto; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all’art. 13, comma 1 lett. a) e b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di € 10.000,00 alla Soc. INTERNAZIONALE per avere suoi sostenitori, più volte nel corso della gara, intonato cori insultanti di matrice territoriale nei confronti dei sostenitori della Soc. Napoli“.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Aldo Chianchiano - 3 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vincenzo Baio - 3 mesi fa

    Buffonate

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy