Genoa, Ballardini: “Abbiamo commesso un errore fatale. Gattuso e il Milan? Vi dico che…”

Genoa, Ballardini: “Abbiamo commesso un errore fatale. Gattuso e il Milan? Vi dico che…”

Le parole di Davide Ballardini al termine della gara persa in extremis dal Genoa contro il Milan

Il tecnico del Genoa non l’ha presa bene. Impegno, sacrificio, un gol di Rigoni annullato dal Var, la stoccata del Milan al 94‘ con Andrè Silva, una sconfitta rocambolesca ma che si poteva evitare.

LA PARTITA – “Abbiamo giocato una partita dura senza mai tirarci indietro, tuttavia contro il Milan non basta. La differenza tecnica c’è e si vede, bisogna  concedere il meno possibile. Purtroppo quando perdi molti palloni a centrocampo e manchi di precisione,  squadre come il Milan ti puniscono. L’errore è stato quello di abbassarci e se subisci può risultare fatale. Meritavamo qualcosa in più, il gol è arrivato a pochi secondi dalla fine, può capitare, il calcio è così. Però non si deve mollare un solo istante“.

IL MILAN: E’ una squadra  forte e in questo momento gode di grande salute. Se perdono un giocatore riescono a trovarne subito un altro all’altezza. Io invece ho problemi diversi. Il Milan ha recuperato condizione, equlibrio e gioco, è pur sempre un gruppo competitivo, tutto è possibile, però la strada è ancora lunga e non penso possa arrivare nelle prime quattro posizioni”.

SUSO E GATTUSO:Gattuso ha rivitalizzato i rossoneri che, bisogna riconoscerlo, ci hanno messo in difficoltà. E tutto questo è merito suo. Da giocatore era pieno di grinta e di risorse. Doti che si è ritrovato da tecnico. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Gattuso dimostra una grande voglia di fare bene e i giocatori lo seguono con ben altro spirito rispetto a prima”. Su Suso: “Giocatore imprevedibile, salta l’uomo con facilità e si inserisce bene, se avessimo evitato di farlo crossare a forse il risultato sarebbe stato diverso. Adesso pensiamo solo alla prossima partita”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy