Zazzaroni: “Il Palermo un po’ come la Nazionale”

Zazzaroni: “Il Palermo un po’ come la Nazionale”

Ivan Zazzaroni, noto giornalista e opinionista di calcio ha scritto alcune righe sul suo blog per spiegare ai tifosi italiani alcune sue dichiarazioni durante la trasmissione sportiva ‘Notti.

Commenta per primo!

Ivan Zazzaroni, noto giornalista e opinionista di calcio ha scritto alcune righe sul suo blog per spiegare ai tifosi italiani alcune sue dichiarazioni durante la trasmissione sportiva ‘Notti mondiali’ in onda su Raiuno che aveva alzato un vespaio di polemiche. “Domenica durante ‘Notti mondiali’ in onda su Raiuno ho tentato un paragone che qualcuno non ha capito. O forse mi sono spiegato male. Parlando della Nazionale che aveva appena pareggiato con la Nuova Zelanda confermando tutti i limiti che avevamo più volte denunciato (sorprese, zero) ho detto che questa Italia è un po’ la Samp o l’Udinese del torneo e che è comunque giusto tifare per la squadra del cuore anche se se ne conoscono i difetti strutturali. Alcuni tifosi se la sono presa. Provo a chiarire il concetto. Affrontare questo Mondiale con una squadra priva di individualità di spicco e di figure tecniche (il trequartista-suggeritore, un esterno sinistro potente e tanto altro) è un po’ come partecipare alla Champions con la Sampdoria, il Napoli, la Fiorentina, l’Udinese, il Palermo, il Genoa, ovvero con organici di livello ma che non valgono, per restare all’ultima edizione, l’Inter (Brasile), il Barcellona (Spagna), il Chelsea (Argentina), l’Arsenal (Olanda), molto più ricchi e competitivi sotto tutti i punti di vista, in primis quello tecnico. Ora, i tifosi di Fiorentina, Udinese, Samp eccetera, così come quelli della Nazionale, hanno il diritto-dovere di sperare nella conquista del titolo (si parte sempre per arrivare il più lontano possibile) ma sanno perfettamente che per raggiungerlo devono essere assistiti dalla fortuna (in dosi da cavallo) e da aiuti arbitrali e altro. Ho il massimo rispetto per le squadre-società che ho indicato – tifo Bologna, credo che basti -: penso tuttavia che la consapevolezza della propria inferiorità renda il tifo ancora più genuino, sano, sportivo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy