Zamparini: “Iachini hai la mia fiducia. Mercato deludente ma voglio più cattiveria in campo”

Zamparini: “Iachini hai la mia fiducia. Mercato deludente ma voglio più cattiveria in campo”

Blitz a Palermo per il presidente Zamparini. Il numero uno rosanero ha rinnovato la fiducia al suo tecnico Iachini e ha parlato di mercato e della sfida di domenica contro la Roma

3 commenti

Si continua. Insieme. Le strade di Beppe Iachini e del presidente rosanero Zamparini non si divideranno. Questa volta non è più l’istintività a far da padrona ma la ponderatezza nelle scelte societarie. Un nuovo modo di agire per il patron del Palermo che rinnova la sua fiducia a squadra e allenatore, convinto di riuscire a superare questo momento no. La prossima partita contro la Roma, quindi, non sarà un crocevia ma un’occasione per mostrare un atteggiamento diverso in campo. Fiducia ma a determinate condizioni. “Ho parlato con Iachini e con lo staff ho detto loro che non siamo in una crisi, ma in un momento di difficoltà e che ho fiducia nel loro lavoro. Gli ho solo chiesto di diventare cattivi e dirò la stessa cosa ai giocatoriha dichiarato Zamparini -. Siamo diventati un po’ molli, forse l’inizio con due vittorie aveva lascato intendere che poteva essere un campionato tranquillo, ma se non si è cattivi e decisi non si va da nessuna parte. Li porterò da me in Friuli pe qualche giorno prima della gara col Bologna, ma non come punizione per stare tutti insieme perché sono convinto di avere una buona squadra e un buon allenatore. Il Palermo deve trovare soltanto l’assetto perché rispetto all’anno scorso manca solo Dybala, abbiamo rinforzato la difesa e il centrocampo. Iachini deve trovare l’equilibrio giusto perché mentre l’anno scorso Dybala ci risolveva le gare, quest’anno abbiamo caratteristiche diverse. Gli ho detto che la squadra non è da 3-2 come lo scorso campionato, ma da 1-0. Siamo un diesel anche per i carichi di lavoro, diventeremo più brillanti”.

Con la Roma a viso aperto. Nulla da perdere ma tanto da dimostrare. I giallorossi saranno un duro banco di prova domenica ma la prestazione sarà tutto ciò che conta. “Con la Roma non abbiamo nulla perdereha commentato Zamparini -. Saranno arrabbiati dopo la sconfitta in Champions. Certo, dovremo stare attenti dietro perché se sbagliamo sarà dura riprenderli, comunque faremo risultato noi“.

Mercato deludente. Difesa in difficoltà e attacco sterile. Un mercato quello del Palermo non dei migliori e sotto la sufficienza visti i risultati. Obiettivi sfumati e decisioni poco oculate in questo momento fanno la differenza e Zamparini lo sa bene: “Purtroppo il nostro mercato non era quello che ci eravamo prefissati. Volevamo Defrel e Araujo, ma non ci siamo riusciti e abbiamo ripiegato su Gilardinoha ammesso Zamparini -. Certamente a gennaio interverremo, anche in altre varie zone del campo, e ci stiamo già lavorando adesso per definire tutto a novembre. Purtroppo si è infortunato Djurdjevic. Gilardino? Stiamo aspettando che entri in forma, abbiamo sottovalutato che poteva essere in ritardo di condizione. Ma sono convinto che farà benissimo e farà la differenza”

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 2 anni fa

    si a novembre,siamo alle solite
    a maggio disse che la squadra era già fatta e che il sostituto di dybala era già stato trovato sappiamo come è andata a finire
    ma poi perchè non rimane lui qua anzichè portarsi la squadra in friuli??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cheedow - 2 anni fa

    le squadre secondo me si fanno in estate, a gennaio difficilmente ho visto squadre che escono dal mercato ed hanno una svolta totalmente in positivo. Io penso ci salveremo anche con questa squadra, il mio rammarico è che centrando gli obiettivi estivi non si sarebbe nemmeno parlato di salvezza ed in campionato così mediocre forse adesso saremmo ai primissimi posto con Fiorentina, Sassuolo e Torino. Il tifoso vuole sognare e parlare sempre di salvezza è un pò alienante. Lo so, squadre come la nostra difficilmente possono vincere qualcosa, ma dopo le prime 2 giornate aveva un sapore dolcissimo stare in testa la classifica, è stata la stessa sensazione che ho provato nel 2006 quando per quasi tutto il girone d’andata siamo stati primi. E’ qualcosa che ti fa sognare anche se sai che difficilmente si arriverà fino in fondo, però stavolta è durata troppo poco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nick - 2 anni fa

      quoto..che poi ultimamente dopo i mercati deludenti estivi parla sempre di rinforzi a gennaio e poi ci ritroviamo altre scommesse che tanto le squadre quelli buoni non li vendono

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy