ZAMPAFUOCO: Il PALERMO PERDE A CATANIA, I TIFOSI CONTESTANO E IL PRESIDENTE RICHIAMA DELIO ROSSI

ZAMPAFUOCO: Il PALERMO PERDE A CATANIA, I TIFOSI CONTESTANO E IL PRESIDENTE RICHIAMA DELIO ROSSI

di Sarah Catellana Il copione era già scritto da tempo e conservato dentro un cassetto: “Zampafuoco” ha aggiunto alla sua collezione privata di allenatori esonerati anche Serse Cosmi, dopo.

Commenta per primo!

di Sarah Catellana Il copione era già scritto da tempo e conservato dentro un cassetto: “Zampafuoco” ha aggiunto alla sua collezione privata di allenatori esonerati anche Serse Cosmi, dopo poco più di un mese di lavoro, quattro partite e tre punti conquistati nellunica vittoria contro il Milan. La scossa dopo lesonero di Rossi non è arrivata e allora forse la riflessione da fare è unaltra: “invertendo lordine degli addendi, il risultato non cambia” vorrà dire che non si trattava di un problema di allenatori. La sconfitta subita a Catania è stata lultima delle umiliazioni subite in questa stagione. Da quando il Palermo è tornato in Serie A, mai si era vissuta una stagione così sfiancante, deludente e imbarazzante. Si poteva vincere o perdere, ma in campo i rosanero se la giocavano con tutti e uscivano a testa alta. Alla fine è arrivata pure quella contestazione da parte della tifoseria che forse avrebbe già dovuto alzare la voce dopo il 0-7 casalingo con lUdinese. La Curva Nord, invece, quel giorno per qualche strano motivo restò praticamente in silenzio, mentre il resto dello stadio osannava Delio Rossi e fischiava i giocatori. Al “Barbera” circa centocinquanta tifosi hanno atteso il pullman del Palermo di rientro da Catania per un confronto con la squadra. Una manifestazione daffetto e di preoccupazione che si è svolta in modo civile. Un confronto duro e onesto, una scossa a tutto lambiente, forse quella scossa che servirà per ripartire. I giocatori erano pallidi in volto, tesi, preoccupati. Dallaltra parte i tifosi li contestavano, ma – come abbiamo detto prima – in modo civile. Niente a che vedere con gli atti di guerriglia che hanno visto coinvolte le tifoserie di Roma e Juventus, giusto per citare i casi più recenti. E proprio durante quelle ore passate davanti il piazzale del “Renzo Barbera” è arrivato lannuncio: “via Cosmi, torna Rossi”. Rossi, lamato Rossi. I tifosi si calmano, si sfogano con i loro beniamini. Poi a poco a poco i giocatori lasciano lo stadio, la folla si disperde. Allappello però mancava capitan Miccoli. Era nervosissimo Fabrizio dopo lo smacco dellormai ex allenatore Serse Cosmi che non gli ha fatto giocare neanche un minuto contro il Catania; lui che ci teneva e si preparava da quindici giorni. Miccoli prima di arrivare allo stadio, intorno alle 21.00, ha fatto fermare il pullman ed è andato via insieme ad alcuni suoi compagni, mentre lavventura del “Caronte” che doveva traghettare il Palermo volgeva al termine anticipatamente. “Il mio stato d’animo penso sia comprensibile, è davvero di grande, anzi direi profonda, amarezza – ha confidato Cosmi a Mediagol.it – Non credo che adesso bastino le parole per descriverlo, sono davvero turbato”. 23.57 ZAMPARINI: “SQUADRA DI BROCCHI,TIFOSI..” 23.55 ZAMPARINI: “Peggio ko Udinese, non mi piace…” 23.53 ZAMPARINI: “A COSMI AVEVO DETTO CHE SE..” 23.50 FOTO, GALLERY CONTESTAZIONE POST DERBY 23.48 VIDEO, USCITA CALCIATORI ROSA DA STADIO 23.44 VIDEO, TIFOSI PARLANO CON MIGLIACCIO E.. 23.40 VIDEO, LA DURA CONTESTAZIONE DEI TIFOSI 23.35 VIDEO, TIFOSI A SQUADRA: “A LAVORARE..” 23.30 VIDEO, ARRIVO PULLMAN SQUADRA STADIO 23.24 COSMI: “IO TRADITO DA ZAMPARINI? ORA..” 23.21 COSMI: “ECCO MIEI GRAZIE, AI TIFOSI DICO..”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy