Vedova Scirea: “Nessuno rispetta più mio marito”

Vedova Scirea: “Nessuno rispetta più mio marito”

Mariella Scirea è la vedova di Gaetano, storico giocatore della Juventus degli anni ’80 e campione del Mondo in Spagna nel 1982. In un’intervista rilasciata nell’edizione odierna di.

Commenta per primo!

Mariella Scirea è la vedova di Gaetano, storico giocatore della Juventus degli anni ’80 e campione del Mondo in Spagna nel 1982. In un’intervista rilasciata nell’edizione odierna di Repubblica, la signora ha voluto ricordare il marito con un j’accuse forte e diretto ai responsabili dei cori juventini contro i napoletani nell’ultimo turno di campionato. “24 anni fa quando decisero di intitolare la curva a mio marito ero molto felice e lusingata ma ero stata chiara: il nome di Gaetano Scirea richiede grande responsabilità. Poi qualcosa si è rotto, con quegli ultras c’era un dialogo, un confronto continuo. I giovani che hanno preso il posto forse non sentono la responsabilità de cognome Scirea: le curve sono diventate un mondo a se stante, in cui non è facile introdursi e ragionare. Mi rendo conto che la mia è stata un’utopia. Sono delusa dal fatto di non aver raggiunto quell’obiettivo di cui mi ero innamorata. Mi dà fastidio anche che venga criminilizzato tutto il tifo bianconero, persone perbene che in trasferta vengono sistemate nelle gabbie e ricevono pessimi trattamenti. Al contrario, a Torino, in uno stadio senza barriere, c’è chi viene a fare disastri e dal settore ospiti lancia di tutto. Un anno fa gli ultrà del Napoli hanno causato danni per 200mila euro. Quest’anno ci ritroviamo con 4 tifosi feriti. Tanti club non riescono a gestire i facinorosi, guardate cos’è successo alla Nocerina”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy