Tutti pazzi per Amelia

Tutti pazzi per Amelia

È rimasto fuori un mese e già si iniziava a mettere in dubbio il suo posto in squadra. Ma quando è tornato, Marco Amelia ha messo a tacere tutti mostrando tutte quelle.

Commenta per primo!

È rimasto fuori un mese e già si iniziava a mettere in dubbio il suo posto in squadra. Ma quando è tornato, Marco Amelia ha messo a tacere tutti mostrando tutte quelle qualità che ne hanno fatto il vice di Buffon in Nazionale. Sì, Amelia è tornato davvero, sta meglio di prima ed è pronto a conquistare il pubblico rosanero. Lo ha dimostrato fin dal suo rientro, a Bologna, fermando Di Vaio lanciato da solo a rete sull’1-0. Se il portiere rosanero non fosse intervenuto provvidenzialmente, la gara avrebbe preso un’altra piega. Così come sarebbe avvenuto domenica scorsa contro il Milan, se non avesse neutralizzato il primo rigore di Ronaldinho. “Quando è partito con la rincorsa mi sembrava di rivedere i suoi movimenti alla Playstation – ha raccontato Amelia – Lho fissato, ho visto che tirava con il piattone alla mia sinistra, ho spinto il più possibile e sono riuscito a deviarla. Stavo anche per prendere il secondo rigore, ma sarebbe stato troppo” Chissà come avrebbe reagito se quel primo rigore fosse entrato, dopo esserne stato lui stesso la causa. Si dice che soffrisse la mancanza di feeling con il pubblico e l’affetto che il “Barbera” aveva mostrato a Fontana, accolto in campo con un’ovazione in occasione del suo infortunio a Firenze. Qualcuno vociferava addirittura che per questo motivo volesse lasciare Palermo a gennaio. Il portiere rosa, invece, ha iniziato a conquistare i cuori dei tifosi a suon di parate e uscite decisive. Parlare solo del rigore sarebbe riduttivo; domenica scorsa Amelia è stato un baluardo, un monte invalicabile, una diga che l’attacco rossonero non ha saputo scalfire, se non dopo due penalty assegnati. La fiducia di società e allenatore l’ha sempre avuta, quella dei tifosi l’ha appena conquistata e c’è da scommettere che farà di tutto per non deluderli. Maria Francesca Merlino

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy