Torino: un ex in panchina contro il Palermo?

Torino: un ex in panchina contro il Palermo?

Sono bastate due sconfitte consecutive per far ripiombare il Toro nellincertezza e nella paura della retrocessione, con voci di un possibile esonero di Novellino e lo spettro di un «De Biasi.

Commenta per primo!

Sono bastate due sconfitte consecutive per far ripiombare il Toro nellincertezza e nella paura della retrocessione, con voci di un possibile esonero di Novellino e lo spettro di un «De Biasi 4» che aleggia sulla squadra. Uno scenario cupo che non rappresenta però una novità per una società abituata a vivere alla giornata, alle prese con un dejà vu continuo. Il ko di Bergamo ha rimesso tutto in discussione nel Torino, ma dopo un day after convulso passato al telefono sul triangolo Milano (Cairo), Cesena (Foschi) e Perugia (Novellino), il vertice torinista ha prodotto la classica soluzione allitaliana: fiducia all’allenatore, in attesa del risultato di domenica. Così va il calcio e Walter Novellino si adegua. Un tecnico consapevole di essere in bilico, ma determinato a giocarsi tutte le sue carte per salvare il Toro. Probabilmente è il meno colpevole, anche perché non aiutato dal mercato di riparazione (voleva un regista, è arrivato Gasbarroni rotto), ma farà il massimo per realizzare quella missione intrapresa tre mesi fa dopo la cacciata di De Biasi. Oggi pomeriggio Monzon sarà regolarmente alla Sisport a dirigere la ripresa degli allenamenti. Metterà la faccia in conferenza stampa. “Tutti noi dobbiamo fare un esame di coscienza – riflette il diesse Foschi -. Lui parlerà e si prenderà le sue responsabilità. Poi si ripartirà insieme, dialogando con la squadra e cercando di risolvere i problemi in fretta”. Se la situazione, però, dovesse complicarsi o precipitare, il presidente Cairo ha la lettera pronta. Al posto di Novellino arriverebbe un nuovo allenatore. Quale? Tre, i candidati. Il più accreditato è Giuseppe Papadopulo, poi Camolese e infine De Biasi. Cairo ha smentito lipotesi di un clamoroso ritorno di GDB, sotto contratto fino a giugno 2010. “È una bufala – ha commentato a Sky -. Quel che è stato è stato: abbiamo avuto tre anni di alti e bassi con lui, escludo il suo ritorno”. Eliminato De Biasi dalla lista dei «gufi» (così li chiama Novellino), si sta defilando anche Camolese: lex granata è del Livorno e potrebbe essere anche richiamato da Spinelli se Acori dovesse fallire contro il Rimini questa sera. Resta il “Papa”, tecnico che Foschi conosce bene perché salvò il Palermo nel 2006. Lex allenatore leccese potrebbe essere lultima arma per evitare la B, ma anche la prima pietra per poter ricostruire e ripartire in caso di retrocessione. Approfondimenti sullargomento: Leggi l’articolo completo su “La Stampa”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy