STEVANOVIC: “Da bambino già testa al pallone”

STEVANOVIC: “Da bambino già testa al pallone”

Alen Stevanovic ha concesso una lunga intervista al Corriere dello Sport. L’esterno del Palermo ha parlato della sua infanzia. “Avevo la testa al pallone e ci volevano 45 minuti di pullman per.

Commenta per primo!

Alen Stevanovic ha concesso una lunga intervista al Corriere dello Sport. L’esterno del Palermo ha parlato della sua infanzia. “Avevo la testa al pallone e ci volevano 45 minuti di pullman per raggiungere il campo. Anche la scuola era lontana e così decisi di smettere a 16 anni. La passione mi faceva superare gli ostacoli – ha raccontato Stevanovic -. A 8 anni, mi avevano dato i soldi per comprare delle fotografie. Sceso dal bus, una macchina della Croce Rossa mi investì e mi fratturai il braccio. Un dribbling non riuscito, ne porto i segni. Mi chiamavano Balotelli bianco? Non lo sapevo, ma capisco, ho fatto tante stupidaggini”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy