SERIE A: Le sfide della ventiduesima giornata

SERIE A: Le sfide della ventiduesima giornata

di Giuseppe La Barbera Nel turno infrasettimanale l’Inter ha superato la mini-crisi in cui era caduta e ha allontanato Juventus e Milan, relegandole rispettivamente a -6 e a -8, in virtù.

Commenta per primo!

di Giuseppe La Barbera Nel turno infrasettimanale l’Inter ha superato la mini-crisi in cui era caduta e ha allontanato Juventus e Milan, relegandole rispettivamente a -6 e a -8, in virtù della sconfitta di Udine per i bianconeri e del mezzo passo falso di “San Siro” contro il Genoa, per gli uomini di Ancelotti. La ventiduesima giornata mette le inseguitrici davanti a un bivio: entrambe sono costrette a vincere per evitare che i nerazzurri diano origine ad un’ulteriore fuga. I torinesi affronteranno il Cagliari di Allegri nell’anticipo serale di sabato all’ “Olimpico” di Torino: contro la formazione sarda che nel mese di gennaio si è permessa di fermare l’ Inter a “San Siro” e di incanalare tre vittorie di fila, ci saranno anche il recuperato Alessandro Del Piero e David Trezeguet, ormai pienamente recuperato dopo l’ infortunio patito a inizio stagione. A rendere ancora più piccante il match la presenza del bomber Robert Acquafresca, che mercoledì, contro il Siena, aveva abbandonato il campo per un infortunio: chissà se il centravanti riuscirà ad aumentare il suo bottino di ben 9 reti contro Buffon, portiere numero uno al mondo. Un impegno delicato, nel posticipo domenicale, toccherà anche al Milan, atteso a Roma dalla Lazio di Delio Rossi, che deve farsi perdonare dai propri tifosi le ultime prestazioni tutt’altro che positive. Nella fila rossonere, tra i titolari, dovrebbe esserci anche David Beckham, autore di due reti nelle ultime due gare e al centro di un vero e proprio caso diplomatico: poiché i milanesi vorrebbero tenerlo fino alla fine della stagione, nonostante la scadenza del prestito con i Los Angeles Galaxy sia fissata al 9 marzo. Gli americani, però, non sentono ragioni e in settimana hanno sottolineato stizziti che tra un mese circa l’avventura dello “Spice Boy” nella città della Madonnina terminerà. Chiude la volata-scudetto un incontro che alla vigilia sembra avere un copione già scritto: Inter-Torino. Contro la squadra di Novellino, infatti, i primi in classifica non dovrebbero avere particolari problemi. Tra i possibili titolari in casa meneghina ci dovrebbe essere anche Davide Santon, terzino destro, classe 1991, che ha stupito tutti gli addetti i lavori grazie alle ultime prestazioni positive. Spostandoci alla lotta per il quarto posto, la giornata numero 22 presenta Genoa-Palermo al “Marassi”. I liguri nell’ultimo turno disputato in casa hanno pareggiato con il Catania; i rosanero, invece, nella precedente gara in trasferta nello stadio genovese hanno battuto la Sampdoria. Dopo la sconfitta contro la Roma di Spalletti, il Palermo venderà cara la pelle contro un’avversaria che occupa la quarta piazza a quota a 37, i presupposti per una sfida avvincente ci sono tutti, considerando anche il curriculum dei padroni di casa tra le mura amiche: 7 vittorie, 3 pareggi e nessuna sconfitta. Rimanendo nelle zone alte della graduatoria, la Roma affronterà al “Granillo” la Reggina in piena crisi e a un passo dal baratro, visti i 14 punti fin qui racimolati, che sono valsi l’ultima posizione; il Napoli, nell’anticipo di sabato delle 18, affronterà al “San Paolo” l’Udinese, che, con la vittoria di mercoledì a scapito della Juve ha salvato la traballante panchina dell’allenatore Marino; infine, la Fiorentina di Prandelli farà visita al Bologna, fresco della vittoria esterna di Bergamo in una gara che si prospetta aperta a qualsiasi risultato. Chiudono il quadro della ventiduesima tappa di Serie A: Atalanta-Catania, sfida tra compagini tranquille ma non troppo; Chievo-Sampdoria, con i blucerchiati chiamati alla conferma dopo la vittoria scaccia crisi dell’ultimo turno contro la Lazio e i clivensi, bisognosi di punti per abbandonare la penultima posizione e lo spareggio-salvezza tra Siena e Lecce al “Franchi”: considerando che i salentini hanno fatto solo sette punti in trasferta, per i toscani la gara potrebbe facilmente rivelarsi una buona occasione per portarsi ancora più lontano dalle zone basse della classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy