Rigoni: “Vi spiego differenze tra sintetico e erba..”

Rigoni: “Vi spiego differenze tra sintetico e erba..”

Il Novara ha fatto da battistrada, prima squadra di serie A con campo in materiale sintetico. Per gli azzurri piemontesi è diventato un’abitudine, ma Marco Rigoni, centrocampista ‘dai piedi.

Commenta per primo!

Il Novara ha fatto da battistrada, prima squadra di serie A con campo in materiale sintetico. Per gli azzurri piemontesi è diventato un’abitudine, ma Marco Rigoni, centrocampista ‘dai piedi buoni’ assicura che “non c’è grande differenza” tra l’erba e i moderni campi in sintetico. “Sarei un bugiardo se dicessi che non cambia nulla – precisa – perché non è vero. Ma le differenze sono talmente minime che ci si abitua immediatamente. Credo che sia più una questione psicologica, di testa, un rifiutare a priori questa novità che un effettivo disagio”. Per Rigoni, autore dell’ ‘eurogol’ che ha consentito al Novara di pareggiare la semifinale degli ultimi playoff con la Reggina “se il terreno in sintetico è ben mantenuto e sempre bagnato cambia ben poco. C’è chi temeva che portasse a maggiori infortuni muscolari o affaticamenti tendinei, ma la stagione scorsa del Novara ha dimostrato che non è così. Il vantaggio che può avere una squadra che gioca le gare interne sul sintetico è che può contare di avere sempre un campo in perfetto ordine”. Il Palermo, esordirà in campionato, proprio al “Piola” di Novara sul sintetico il prossimo 28 agosto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy