PERINETTI: “Finché c’è matematica c’è speranza “

PERINETTI: “Finché c’è matematica c’è speranza “

“Le speranze del Palermo sono in primo luogo matematiche, finché la matematica ce lo dice dobbiamo provare di tutto. Poi ci sono le possibilità tecniche della squadra di recuperare una.

Commenta per primo!

“Le speranze del Palermo sono in primo luogo matematiche, finché la matematica ce lo dice dobbiamo provare di tutto. Poi ci sono le possibilità tecniche della squadra di recuperare una situaizone difficile. Però non dobbiamo guardare al passato ma al presente. La squadra vuole giocarsi le sue possibilità fino alla fine e queste possibilità ci sono tutte. Sarà unimpresa difficilissima, ma cè sia la volontà che la possibilità di tentare questa impresa. Certo abbiamo 4 punti dal Genoa, una squadra che a gennaio si è rinforzata tanto, ma tenteremo tutto il possibile per ottenere questo risultato”. Lo ha detto il direttore generale del Palermo, Giorgio Perinetti, intervistato da Rotocalcio, trasmissione di approfondimenti calcistico in onda su Telesud. “Noi facciamo troppe analisi, il calcio non le fa – ha proseguito -. Se il Palermo dovesse davvero retrocedere il presidente avrebbe tutta la voglia di ritornare presto in A. Il bilancio ne soffrirebbe ma il Palermo con la sua passione tornerebbe subito in Serie A. Quando ho preso il Siena retrocesso molti giocatori volevano andar via, sono stati accontentati con delle plusvalenze di bilancio e da lì si è ripartiti e siamo tornati subito in Serie A. Non è detto – conclude – che tenendo i giocatori si sia competitivi, nemmeno che cambiando tanto si vada male. Però non voglio parlare di questa evenienza, voglio giocarmi la salvezza”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy