PASTORE:”IL MIO RAPPORTO COI PALERMITANI”

PASTORE:”IL MIO RAPPORTO COI PALERMITANI”

La rivista argentina “El Gràfico” ha dedicato una lunga intervista al Flaco, che non ha mancato anche fuori casa di elogiare la Sicilia e Palermo. La redazione di Mediagol.it vi riporta in.

Commenta per primo!

La rivista argentina “El Gràfico” ha dedicato una lunga intervista al Flaco, che non ha mancato anche fuori casa di elogiare la Sicilia e Palermo. La redazione di Mediagol.it vi riporta in esclusiva lintervista integrale al campioncino rosanero. “Quando sono arrivato sono venuto qui a Palermo con 15 familiari, non mi conosceva nessuno e andavo di qua e di là tranquillamente, in spiaggia, senza nessun problema. Ora è un po’ più difficile, ma non è come a Napoli dove il Pocho Lavezzi non può uscire di casa, anche se questa zona del sud è molto simile a Napoli. Appena ti vede la gente ti chiede la foto, all’inizio sembrano timidi, ma appena – ride – uno prende coraggio tutti gli altri vengono dietro. I giocatori d’Europa è difficili vederli per il centro delle città che passeggiano”. Poi El Flaco fa una battuta anche sulla sua abitudine a pagare nei ristoranti. “Dove vado ho l’abitudine di pagare. Se ti dicono che è gratis, dopo sicuramente c’è qualcosa in cambio. Preferisco sempre mangiare e pagare”. Pastore racconta anche il suo rapporto coi palermitani. “Quando giocò bene, c’è un signore di una caffetteria che mi manda 25 chili di caffè. Io mi me ne prendo 10 pacchettini e il resto li regalo. Però se vinciamo ti portano cose tipiche della panetteria, o casse di frutta, la gente qui è molto vicina al giocatore. Nell’isola ci sono moltissime piantagioni, il caffè poi è come il pane, e abbonda il mangiare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy