PASTORE: “HERNANDEZ E FORTISSIMO,NOI..”

PASTORE: “HERNANDEZ E FORTISSIMO,NOI..”

Attraverso le colonne del “Corriere dello Sport”, il fantasista argentino, Javier Pastore, ha parlato del suo compagno di squadra Abel Hernandez, alla sua terza stagione in maglia rosa, è.

Commenta per primo!

Attraverso le colonne del “Corriere dello Sport”, il fantasista argentino, Javier Pastore, ha parlato del suo compagno di squadra Abel Hernandez, alla sua terza stagione in maglia rosa, è ormai erede designato alla guida dellattacco del Palermo. Ecco quanto evidenziato dalla redazione di “Mediagol.it”. “Abel è fortissimo – ha esordito Pastore – ha una grande vo­glia di esplodere e il debutto in nazionale gli ha dato un’altra grande spinta. Ora che giocherà più spesso, io dico che può segnare almeno 15 gol. Anch’io su quest versante devo migliorare – sorride e aggiunge -. So che è nelle mie possi­bilità puntare più in alto”. E sul nuovo nuovo balletto mostrato per festeggiare il gol contro il Maribor, Pastore ha raccontato come nascono questi simpatici siparietti che i tifosi del Palermo sperano di vedere sempre più spesso. “Li studiamo insieme, acoltando la mu­sica. E ce ne vengono in testa sempre di nuovi. Adesso io prendo la bandieri­na e la suono come una chitarra e Her­nandez balla la ’cumbia’”. Pastore spiega, infine, il perché ha deciso dopo un anno di cambiare il numero di maglia per prendere il 27. “Perché è arrivato Munoz che tene­va al 6 che lo identifica meglio. Io ho scelto il 27 perché è il preferito di mia madre Patricia. Nessun altro motivo”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy