PAREGGIO INCREDIBILEPalermo bellissimo, sfortunato, ma sempre in zona Champions

PAREGGIO INCREDIBILEPalermo bellissimo, sfortunato, ma sempre in zona Champions

di Fabio Corrao Alzi la mano chi non avrebbe firmato per un pareggio del Palermo a “Marassi” contro il Genoa con le concomitanti sconfitte della Sampdoria e della Fiorentina. Tra i tifosi.

Commenta per primo!

di Fabio Corrao Alzi la mano chi non avrebbe firmato per un pareggio del Palermo a “Marassi” contro il Genoa con le concomitanti sconfitte della Sampdoria e della Fiorentina. Tra i tifosi rosanero pochi, pochissimi, non avrebbero apposto la loro firma in calce ad uno scenario del genere fino alle 21 di mercoledì sera. E invece, alla fine, il modo in cui questo quadro si è delineato ha lasciato lamaro in bocca ai sostenitori ed una sensazione di comprensibile rabbia nello staff del Palermo. Lo stesso presidente Zamparini ha commentato ai microfoni di Mediagol.it dicendo che “si è trattato di una partita e di un risultato veramente sfortunato”. Ma analizzando i fatti a mente fredda, pur con la consapevolezza che da Genova la squadra di Delio Rossi sia andata via più con due punti persi che con uno guadagnato, bisogna osservare che in un campo terribile, dove la squadra di casa aveva spesso seppellito di reti gli avversari, i rosanero hanno ancora una volta dimostrato di essere più che meritatamente quarti in classifica. Certo, i punti di vantaggio sarebbero potuti essere molti di più, ma un altro esame è stato superato a pieni voti verso la scalata a quello che nellambiente rosanero viene ormai chiamato “Il sogno”. Contro una squadra veloce che gioca un ottimo calcio, ma che vive di fatali distrazioni in difesa per il suo assetto spregiudicato, il Palermo ha giocato una grande gara; privo di Miccoli per scelta tecnica e di Bovo infortunatosi nel prepartita, ha imbrigliato i rossoblù a centrocampo e gli ha impedito di aggredire lavversario come sono soliti fare. Guidati da un Pastore mente e rifinitore e da un Nocerino vera e propria calamita, i rosanero sono stati pericolosissimi in avanti con lo scatenato Hernandez e il mobilissimo Cavani, difendendo con attenzione soprattutto grazie a Kjaer e Balzaretti, veri leader difensivi. Subito il pareggio si sono riportati avanti sul campo e nel punteggio, e purtroppo solo quel finale sfortunatissimo ha impedito di suggellare unaltra notevole impresa da aggiungere alle gemme di questo splendido campionato. Adesso il modo migliore di sciogliere lamarezza è, dopo aver guardato la classifica, scendere subito in campo: sabato sera cè il Bologna, e le assenze del biondo centrale danese e del terzino sinistro, che saranno fermati dal Giudice sportivo, la rendono già una sfida difficilissima, ancor di più se non dovesse recuperare Bovo. Ma una squadra che vuole ambire a giocare la Champions League deve essere forte soprattutto in questi momenti e sopperendo alle assenze che, tra squalifiche e infortuni, sono sempre dietro langolo. Un altro mattoncino è stato aggiunto e unaltra tappa superata: si sapeva già che per ottenere lagognato quarto posto il Palermo dovrà lottare contro tutti gli avversari e tutte le asperità del cammino fino allultimo minuto dellultima giornata; sarà bene ricordarselo, e attrezzarsi in vista di questa incredibile volata fino al respiro finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy