PALERMO:POSIZIONE SANNINO E NUOVO MISTER

PALERMO:POSIZIONE SANNINO E NUOVO MISTER

Il divorzio professionale tra il Palermo e Beppe Sannino è ormai una certezza. Nonostante le dichiarazioni strategiche del patron rosanero Maurizio Zamparini, che descrivono piena convergenza.

Commenta per primo!

Il divorzio professionale tra il Palermo e Beppe Sannino è ormai una certezza. Nonostante le dichiarazioni strategiche del patron rosanero Maurizio Zamparini, che descrivono piena convergenza di intenti e volontà reciproca di proseguire il rapporto contrattuale che lega attualmente il tecnico di Ottaviano al club di Viale del Fante fino al 2014. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, la realtà è ben diversa ed il summit tenutosi a Vergiate tra i vertici societari ed il tecnico ha acuito le distanze tra le parti. Sia la proprietà che la dirigenza erano originariamente intenzionate a confermare Sannino per la prossima stagione ma lex allenatore di Varese e Siena ha manifestato più di una perplessità. Dubbi non tanto di matrice tecnica sullallestimento di un organico competitivo e funzionale alla categoria, quanto di profilo comportamentale ed interpersonale riconducibili alla figura di Zamparini ed al suo metodo gestionale. Sannino, scottato dallesonero lampo e dalle pressioni dellanno appena concluso, teme di bruciare un’ altra stagione sullaltare dellimpulsività del patron nella gestione dei fisiologici momenti negativi. Queste le motivazioni addotte da Sannino che avrebbe quindi chiesto di essere liberato. La corte serrata di Genoa e Verona, club di massima serie, ha certamente un ruolo fondamentale nella posizione assunta dal tecnico campano. Sannino ha già incontrato nella giornata di martedì la dirigenza ligure, che gli propone un lauto biennale a cifre leggermente superiori allingaggio percepito attualmente in Sicilia, ed avrebbe preso tempo. La soluzione Verona, dove Sannino ritroverebbe Sean Sogliano con il quale ha lavorato con profitto a Varese, è forse la più gradita allallenatore di Ottaviano. Oltre al feeling col Ds, Sannino gode anche della datata stima del patron scaligero Setti che lo avrebbe voluto nella sua breve parentesi al Bologna. Restano da stabilire le modalità del divorzio tra Sannino ed il Palermo e capire se saranno più o meno serene o conflittuali. Il Palermo corrispose al Siena una sorta di indennizzo per liberare Sannino, ancora sotto contratto con i toscani allepoca del suo ingaggio, adesso forte del legame con scadenza 2014 potrebbe legittimamente pretenderlo dal club che vorra avvalersi dalla prossima stagione della guida tecnica del mister campano. Intanto il Palermo si muove per individuare il nuovo tecnico che dovrà tentare la scalata alla serie A con Iachini e Corini che, in ordine di preferenza, restano i candidati più autorevoli.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy