Palermo: steward lavoro difficile anche in tribuna

Palermo: steward lavoro difficile anche in tribuna

Il lavoro dello steward è molto delicato. Da una parte devono garantire la sicurezza, dall’altro rappresentano il club e devono spesso sopportare i comportamenti inaccettabili di certi tifosi..

Commenta per primo!

Il lavoro dello steward è molto delicato. Da una parte devono garantire la sicurezza, dall’altro rappresentano il club e devono spesso sopportare i comportamenti inaccettabili di certi tifosi. Tutto questo è stato evidenziato in un articolo di Roberto Puglisi su Livesicilia.it che ha raccontato l’altra faccia di questo difficile lavoro. Qualche tempo fa fece giustamente notizia la storia di uno steward assai improvvido con un tifoso rosanero. Ma allora che dovrebbero dire loro – ragazzi e ragazze preposti alla sicurezza nello stadio – della maleducazione abituale di certi “animali da tribuna”, settore che raccoglie notoriamente i peggiori di noi? La scena l’ho vista io con i miei occhi, al termine di Palermo-Cska. Lei, una ragazza educata e sempre disponibile in tribuna, con la classica pettorina gialla. Lui, un uomo dalle sembianze di energumeno che le rimproverava chissà quale torto. Lei, zitta, subiva gli assalti del tipo. Di tanto in tanto sussurrava: “Signore, io non ho fatto niente…”. Lui – imbaldanzito dal silenzio della sua “avversaria”, dal pubblico presente e incoraggiato dalla circostanza di trovarsi al cospetto di una donna – passava dalla reprimenda all’insulto. Mi sarebbe piaciuto scaraventarlo giù dai gradoni, mi sono contenuto. Però posso scriverne. E ne scrivo per chiedere scusa alla ragazza in questione, a nome del popolo dello stadio, e per complimentarmi con lei per il sangue freddo. Al tizio da tribuna nulla da dire ho, sarebbe inutile. Agli altri, eventualmente: magnifici tifosi rosanero, ma è così difficile ricordarsi di se stessi e della propria decenza in mezzo a quindicimila persone?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy