Palermo: Daspo per 2 bagarini fermati con Inter

Palermo: Daspo per 2 bagarini fermati con Inter

Il Questore di Palermo Alessandro Marangoni ha emesso due provvedimenti DASPO nei confronti di altrettanti soggetti, resisi responsabili di bagarinaggio in occasione dell’incontro di calcio.

Commenta per primo!

Il Questore di Palermo Alessandro Marangoni ha emesso due provvedimenti DASPO nei confronti di altrettanti soggetti, resisi responsabili di bagarinaggio in occasione dell’incontro di calcio Palermo–Inter del 20 marzo. I provvedimenti vietano ai due soggetti, per la durata di due anni, non solo l’accesso agli stadi ove si disputino incontri calcistici in ambito nazionale ed internazionale ma anche il divieto di accesso per lo stesso arco temporale, alle stazioni ferroviarie, caselli autostradali, scali aerei, autogrill e tutti gli altri luoghi interessati alla sosta, al transito ed al trasporto di coloro che partecipano o assistono alle competizioni medesime. Inoltre, i due dovranno comparire presso gli uffici di Polizia nei giorni in cui la Società Palermo Calcio sia impegnata in incontri agonistici casalinghi mezz’ora dopo l’inizio e mezz’ora prima della fine degli stessi e solo nell’intervallo del primo e secondo tempo quando la società Palermo Calcio è impegnata in trasferta. In occasione dell’incontro di calcio Palermo – Inter di giorno 20 marzo, la Polizia di Stato ha approntato specifici servizi di controllo delle zone adiacenti lo stadio “Renzo Barbera”, al fine di prevenire ed individuare eventuali fenomeni di bagarinaggio. Già alcuni giorni prima della partita, gli Agenti della Polizia di Stato avevano fermato due palermitani D.A.A. di anni 49 e S.G. di anni 27 mentre erano intenti a vendere biglietti ad un prezzo maggiorato nei pressi dell’impianto sportivo. I poliziotti sequestravano ai due 12 biglietti oltre alla somma di 600,00 euro provento dell’illecita attività. I due sono stati contravvenzionati e diffidati.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy