Mutu si scusa”Non mi perdono per lite,ho sbagliato”

Mutu si scusa”Non mi perdono per lite,ho sbagliato”

“Voglio porgere le mie scuse più sincere e profonde alla proprietà, alla società, allo staff tecnico, ai miei compagni e a tutta la tifoseria. Mi rendo conto che quanto accaduto.

Commenta per primo!

“Voglio porgere le mie scuse più sincere e profonde alla proprietà, alla società, allo staff tecnico, ai miei compagni e a tutta la tifoseria. Mi rendo conto che quanto accaduto non sarebbe mai dovuto accadere. Non mi perdono, in particolare, di essermi lasciato coinvolgere stupidamente in una lite dalla quale, invece, avrei dovuto rifuggire, tanto più in considerazione del fatto che trascorrevo una serata in compagnia di amici venuti appositamente dalla Romania per festeggiare la loro figlia che il giorno dopo avrei battezzato in una Chiesa Ortodossa di Firenze”. Così Adrian Mutu, in una nota affidata all ANSA, parla della lite avuta sabato notte con un cameriere di un locale notturno al quale ha rotto il setto nasale. “Si trattava dellultima sera di libera uscita – spiega Mutu – prima del mio completo ritorno a disposizione della squadra, dopo 10 mesi di inferno vissuti ai margini e, anche per questo, mi pento amaramente di quanto è successo”. L attaccante romeno è anche dispiaciuto per le possibili ripercussioni che il suo comportamento poteva avere sulla squadra. “Non ho dato certo un buon contributo ai miei compagni in un momento molto difficile della stagione ma per fortuna – afferma – loro, e li voglio ringraziare pubblicamente, sono riusciti lo stesso a portare a casa tre punti fondamentali per la nostra classifica, vincendo col Bari. Ora non mi resta che concentrarmi sul campo. La squalifica, finalmente, è finita ed io voglio dare davvero tutto me stesso per questi colori, questa proprietà e questa società che tanto mi hanno dato sempre”. Mutu chiude il suo testo con una esortazione: “Confido nella comprensione di tutti”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy