MUNOZ:”Gol e rosso, mio ricordo finale Tim Cup”

MUNOZ:”Gol e rosso, mio ricordo finale Tim Cup”

“La finale di Coppa Italia in cui ho segnato e sono stato espulso? All’inizio è stata una serata fantastica, arrivare allo stadio con 45mila palermitani è indimenticabile. Ho segnato,.

Commenta per primo!

“La finale di Coppa Italia in cui ho segnato e sono stato espulso? All’inizio è stata una serata fantastica, arrivare allo stadio con 45mila palermitani è indimenticabile. Ho segnato, ma mi hanno anche espulso ingiustamente. Rimarrà per sempre nel mio cuore quella notte”. Lo ha raccontato Ezequiel Munoz, intervistato dal sito ufficiale del club. “Il mare di Mondello? Significa tanto per me, è un posto bellissimo, in una città bellissima come Palermo. Siamo qui da tre anni e mezzo con la mia ragazza, abbiamo vissuto momenti belli e brutti, ma sono molto contento di essere qui. Palermitani simili agli argentini? Sì, sono molto simili, molto caldi. Che papà vorrei essere? Vorrei trasmettere al bambino che avrò gli stessi valori che mi hanno trasmesso i miei genitori, l’onestà e l’educazione. Io stesso sono stato un bambino molto buono ed educato, ogni tanto li facevo arrabbiare, ma nel complesso sono stato un bravo bambino. Il mio maggior pregio per me è questo: essere tranquillo, educato, magari invece quando mi arrabbio divento un’altra persona. Meglio usare la testa o il cuore? Decisamente il cuore”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy