Mourinho si sfoga: “Inter pessima. E’ colpa mia”

Mourinho si sfoga: “Inter pessima. E’ colpa mia”

Il tecnico dellInter José Mourinho, dopo la pesante sconfitta subìta a Bergamo contro l’Atalanta, si assume tutte le responsabilità: “La peggiore Inter della stagione. E il.

Commenta per primo!

Il tecnico dellInter José Mourinho, dopo la pesante sconfitta subìta a Bergamo contro l’Atalanta, si assume tutte le responsabilità: “La peggiore Inter della stagione. E il colpevole sono io”. Innanzitutto, Mourinho cerca di spiegare i motivi del pessimo primo tempo della sua squadra. “Non mi spiego il primo tempo – dice il portoghese ai microfoni di Sky – Quasi sempre quando la mia squadra non fa risultato mi piace parlare dei meriti degli avversari, ma questa volta il risultato l’abbiamo fatto noi perché per 30-40 minuti non ci siamo proprio stati. Oggi devo stare zitto. Chiunque mi può dire quello che vuole. L’allenatore è la testa della squadra ed è il responsabile unico dei momenti difficili e delle sconfitte. Oggi è stata la peggior partita della stagione in campionato. Sono aperto a tutte le critiche. Preferisco che mi si consideri colpevole piuttosto che sul banco degli accusati ci finiscano i miei giocatori. Io sono in grado di reggere le pressione”. Dopo la vittoria sofferta a Siena, il pareggio interno con il Cagliari, oggi è arrivata la sconfitta di Bergamo ma Mou non vuole parlare di crisi: “Col Siena è stata una partita sofferta e difficile, ma pur giocando così così dovevamo come minimo pareggiare. Quanto al Cagliari, loro hanno fatto una buona partita, noi così così. Oggi abbiamo disputato trenta minuti incommentabili. È vero che loro su quattro tiri in porta hanno fatto tre gol, ma sono state reti ridicole. Sul primo gol la difesa prima ha rinviato sui piedi di Floccari (con Burdisso, ndr), poi il nostro centrale (Cordoba, ndr) invece di pressarlo gli ha lasciato lo spazio per girarsi. Sulla seconda rete se la palla non entrava era rigore per il mani di Ibrahimovic. Sul terzo gol abbiamo lasciato Doni solo in mezzo all’area a colpire di testa nonostante sapessimo che lui è bravo proprio in quello. Oggi abbiamo fatto troppi errori e gli errori si pagano”. Il tecnico nerazzurro poi aggiunge: “Sono triste. Anzi, arrabbiato è la parola più giusta. Ma i momenti difficili mi piacciono, perché possono essere loccasione per cambiare qualcosa”. Infine, Mourinho ha un battibbecco con lopinionista di Sky Calcio Show Mario Sconcerti. Il giornalista ha chiesto allallenatore nerazzurro se voleva commentare i numeri, che vedono la sua Inter inferiore in tutto a quella di Roberto Mancini. Il portoghese ha risposto così: “Non voglio fare paragoni perché poi non si sa come va a finire, di questo non sono disponibile a parlare. Del girone di andata posso solo dire che ci sono 19 squadre che sarebbero felici di essere dovè lInter ora. Anche se la Juve vince stasera rimarrà un punto dietro di noi e anche se la Juve vince stasera noi saremo leader del campionato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy