Mondiali:Rivolta dei giocatori contro lo Jabulani

Mondiali:Rivolta dei giocatori contro lo Jabulani

Un coro unanime contro lo Jabulani, il pallone dei mondiali in Sudafrica mette tutti d’accordo, impossibile giocare con un pallone del genere. Troppo leggero pesa solo 440 grammi con una.

Commenta per primo!

Un coro unanime contro lo Jabulani, il pallone dei mondiali in Sudafrica mette tutti d’accordo, impossibile giocare con un pallone del genere. Troppo leggero pesa solo 440 grammi con una circonferenza di 69 centimetri. Non convince nessuno tra gli addetti e molti calciatori hanno dichiarato che questo nuovo pallone fabbricato dall’Adidas per i mondiali porterà tanti gol, troppi, frutto soprattutto degli errori dovute a traiettorie imprevedibili. Il primo a parlare è stato l’attaccante della nazionale italiana Giampaolo Pazzini che aveva dichiarato qualche giorno fa. “Il pallone è un disastro anche per noi attaccanti. Arriva un cross lo consideri di testa ma poi cambia traiettoria”. Ma a lamentarsi sono soprattutto i portieri, per esempio Casillas portiere della Spagna ha dichiarato. “Lo Jabulani sembra un pallone da spiaggia, è davvero triste che un mondiale si giochi con questa sfera”. Anche Buffon è dello stesso avviso. “Gli stupidi siamo noi calciatori dovremmo rifiutarci di giocare con palloni ridicoli come questo”. Julio Cesar, portiere della nazionale e dell’Inter aveva detto: “Sembra una palla da supermercato è troppo leggero e induce i portieri all’errore”. L’Adidas si difende tramite il suo portavoce Thomas Van Schaick che intervistato dalla Gazzetta dello Sport ha dichiarato che: “Lo Jabulani risponde a tutte le caratteristiche richieste dalla Fifa e i test effettuati dimostrano l’estrema stabilità e precisione. Tutte le federazioni lo scorso febbraio hanno ricevuto uno stock di palloni. Da dicembre ad oggi è stato usato in Germania, Olanda, Francia, Russia e Argentina e ovunque ha ricevuto commenti positivi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy