MICCICHÈ: “Ieri giocato per vincere, a Mosca..”

MICCICHÈ: “Ieri giocato per vincere, a Mosca..”

Il Palermo è stato eliminato ieri dall’Europa League ma in casa rosanero prevale il rammarico per un cammino che forse si poteva gestire meglio, impiegando più uomini chiave nei.

Commenta per primo!

Il Palermo è stato eliminato ieri dall’Europa League ma in casa rosanero prevale il rammarico per un cammino che forse si poteva gestire meglio, impiegando più uomini chiave nei precedenti match e non riducendosi solo alla sfida da dentro fuori di ieri con lo Sparta con una formazione quasi titolare. E’ questo in sintesi il pensiero del vicepresidente del club rosa Guglielmo Miccichè, intervenuto ai microfoni di Mediagol.it “Che senso ha inseguire un anno l’Europa se poi si schierano le riserve? Questo effettivamente è avvenuto in qualche altra occasione, facendo riferimento alla partita di ieri è evidente che ha giocato una squadra diciamo titolare se consideriamo che gli sloveni erano indisponibili, Nocerino squalificato ed Hernandez infortunato, poi c’erano tutti: da Cassani a Balzaretti, passando per Migliaccio e Liverani, oltre a Pinilla e Maccarone che non si possono considerare delle riserve. Questo a testimonianza che ieri la squadra ha giocato per vincere – ha spiegato Miccichè – però complessivamente è anche vero quello che sostenete voi. A Mosca ad esempio abbiamo giocato con una formazione rimaneggiata ma avevamo la scusante degli infortuni e di un momento in campionato piuttosto difficile e si è pensato di risparmiare qualche titolare, ma probabilmente se non avessimo perso e avessimo raccolto un punto la penseremmo diversamente e nonostante questo anche lì avevamo giocato con il piglio giusto, la vincevamo 1-0 e io sono convinto che se Nocerino non si fosse fatto espellere a Mosca non avremmo perso”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy