Mehmeti: “Io ET più che Ibra, chiamata Palermo..”

Mehmeti: “Io ET più che Ibra, chiamata Palermo..”

“Come sono arrivato in Italia? Sono cresciuto nel Malmoe, squadra a cui devo tanto, tantissimo ma giunto alla fine del mio contratto è arrivata la chiamata del Palermo. Ho sempre guardato.

Commenta per primo!

“Come sono arrivato in Italia? Sono cresciuto nel Malmoe, squadra a cui devo tanto, tantissimo ma giunto alla fine del mio contratto è arrivata la chiamata del Palermo. Ho sempre guardato il campionato italiano e lo reputo uno dei più affascinanti per questo non ho potuto rifiutare. Oggi sono a Novara con entusiasmo, dove il clima ricorda molto quello della Svezia”. Così al sito ufficiale del suo nuovo club, il rosanero Agon Mehmeti, ieri autore di una tripletta a Cesena in Serie B. “Super Sub? Quel soprannome non mi piace tanto anche perché oggi vorrei, come tutti i calciatori iniziare ed essere decisivo dal primo minuto. Mi chiamavano così quando avevo 18 anni e giocavo in Svezia, ora sono cresciuto – ha aggiunto lo svedese – Il paragone con Ibrahimovic? Non scherziamo, lo conosco e lui è un grande. E’ molto forte”. Una battuta sul nuovo soprannome che i tifosi del Novara hanno dato a Mehmeti: ET. “(Ride ndr) Mi fa piacere ma quello che conta è lavorare e mettermi a disposizione del mister”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy