Marino: “Occhio al Palermo. Studiamo i singoli”

Marino: “Occhio al Palermo. Studiamo i singoli”

Domani al “CUS” di via Altofonte si gioca la quarta giornata del campionato Primavera Tim. I baby rosanero affrontano il Lecce spettacolo del duo Toma-Marino. La redazione di Mediagol.it ha.

Commenta per primo!

Domani al “CUS” di via Altofonte si gioca la quarta giornata del campionato Primavera Tim. I baby rosanero affrontano il Lecce spettacolo del duo Toma-Marino. La redazione di Mediagol.it ha intervistato in esclusiva uno dei due tecnici, Raimondo Marino, ex giocatore di Napoli, Lazio e Catanzaro che, ha parlato della sfida di domani. “Sappiamo che il Palermo è una buona squadra, non abbiamo visto le partite dei rosa in tv contro Roma e Lazio anche se è chiaro che ci sarà qualche nostro collaboratore che ci darà qualche ‘referenza’ in più sui rosa. Che Palermo mi aspetto? Una squadra aggressiva. Sono ragazzi che fanno a pressing a tutto campo, sappiamo che corrono, che ti aggrediscono e che sono bravi perché hanno anche tanta qualità, un aspetto che non guasta mai. Sono caratteristiche importanti e noi dovremo cercare di non farci aggredire per evitare di andare in sofferenza”. Marino ha preferito non soffermarsi più di tanto sui singoli più temibili della formazione allenata dal duo Beggi-Capodicasa. “Stasera avremo qualche informazione in più in merito – ha ammesso il tecnico Marino a Mediagol.it – ma in ogni caso non mi piace parlare di singoli perché parlare di uno piuttosto che di un altro sarebbe un’offesa. A me ha dato sempre fastidio anche quando giocavo io nei settori giovanili sentire dire quello è più bravo di quell’altro, io ero sempre il più scarso di tutti e poi ho giocato 10 anni in Serie A”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy