MARESCA: “CHE PESO PARAGONE CON CORINI, TANTO CAOS SUL RUOLO. MIO OBIETTIVO IN ROSA…”

MARESCA: “CHE PESO PARAGONE CON CORINI, TANTO CAOS SUL RUOLO. MIO OBIETTIVO IN ROSA…”

di Claudio Scaglione Per squadre con obiettivi imminenti, contare sull’usato sicuro va più che bene, specialmente se si devono riempire determinati ruoli in cui l’esperienza.

Commenta per primo!

di Claudio Scaglione Per squadre con obiettivi imminenti, contare sull’usato sicuro va più che bene, specialmente se si devono riempire determinati ruoli in cui l’esperienza è richiesta e il possedere una certa dimestichezza col pallone è d’obbligo. Il Palermo di Giuseppe Iachini sapeva di necessitare di un maestro d’orchestra con un notevole trascorso che potesse dettare i tempi delle giocate a centrocampo, così nella finestra invernale Perinetti e gli altri uomini mercato rosanero hanno cercato di evitare il talento in erba, il giovane di ampie prospettive, ma dall’insicuro presente. Inserendo questi parametri nel motore di ricerca, il nome di Enzo Maresca è apparso in pole position. Nel giro di pochi giorni viene raggiunta l’intesa tra le due società e l’interno classe ’80 diventa a tutti gli effetti un calciatore rosanero. Il tuo palmares farebbe invidia a chiunque, cosa ti spinge a rimetterti in discussione con la maglia rosanero, Enzo? “Ringrazio tutti, anche il vicepresidente per aver studiato il mio passato che è abbastanza difficile. La spinta che ho è quella di continuare a vincere. Non mi è mai piaciuto perdere, nemmeno a carte. Quando è nata lidea Palermo ho pensato subito che fosse unidea importante, con tanti anni in Serie A alle spalle. So che i successi che ho avuto in passato possono sembrare superiori di una promozione dalla B alla A, però ottenere questo risultato in una piazza come Palermo è una spinta importantissima”. È il tuo primo anno in serie cadetta: che impressione hai avuto da fuori? Che campionato ti sembra? “Sono pronto per giocare, sicuramente. Però ci tengo a dire una cosa importante: arrivo in una squadra prima in classifica, che sta dimostrando tanti meriti. Questo campionato di Serie B è la prima volta che lo gioco, però mi sembra un campionato difficile e importante. Sono a disposizione del mister e dei compagni per aiutarli se ce ne sarà bisogno”. Hai deciso di sposare la causa rosanero, lasciando così la Sampdoria e Genova. Eppure hai detto che il blucerchiato ti rimarrà sempre nel cuore. Cosa non ha funzionato lì? “La mia tappa professionale si può dividere in due momenti: sei mesi da protagonista in cui ho giocato sempre e mi sono tolto delle soddisfazioni. Da gennaio ad oggi invece ci sono state diverse circostanze che hanno impedito che io mi esprimessi. Inutile parlarle, la Samp adesso è il passato e penso solo al Palermo”. Zamparini certo non ha fatto di tutto per metterti a tuo agio: ti ha paragonato ad Eugenio Corini e Fabio Liverani. È un fardello pesante per te? “Sicuramente conosco personalmente sia Eugenio che Fabio, sono stati due giocatori importantissimi sia a Palermo che in altre società. Ci metterò tutto il mio impegno per far sì che il pubblico sia contento. Però nel calcio è difficile essere uguali ad altri giocatori, ogni calciatore ha caratteristiche diverse e uniche”. Tu comunque sei un regista dalle caratteristiche atipiche … “Sulla mia posizione in campo spesso si fa confusione. Quando giochi con due centrocampisti hai compiti diversi da quando giochi a 3. Io penso che in uno schieramento così il mio ruolo ideale è davanti alla difesa. Ho giocato quasi sempre in un centrocampo a due e quindi per questo spesso ho segnato più gol per questo motivo”. Potrai essere utile a Iachini per giocare con una difesa a quattro dietro? “Beh, questa cosa dovete chiederla al mister, i moduli non posso commentarli io da giocatore”. Ciò che puoi rivelarci, invece, è il tuo obiettivo in rosa … “Il mio obiettivo, come quello di tanti compagni di squadra è cercare di vincere le partite, quindi anche di segnare dei gol se possibile”. Hai tanta esperienza nella massima serie italiana e ti è capitato anche di affrontare il Palermo stesso, in un’occasione. Che impressione ti ha fatto il pubblico palermitano da avversario? “Ho giocato qui solo una volta, lanno scorso. Poi quando il Palermo era in A io ero allestero, mentre il Palermo era in B io ero in Italia. Voi siete stati qui e sapete che è stato un anno difficile anche per i tifosi. Però il Palermo degli anni importanti faceva del pubblico il dodicesimo uomo. Per me un obiettivo importante è anche far tornare tanta gente allo stadio”. Già in passato era successo che il tuo nome venisse accostato al club di viale del Fante, ma l’accordo tra le parti non è mai arrivato. Puoi spiegarci il motivo? “Col Palermo qualche anno fa cera stato qualche contatto, ma vivevamo un momento splendido a Siviglia, cera stato solo un avvicinamento poi niente di concreto. Ecco perché non se ne fece nulla”. Parli tanto bene delle tue esperienze all’estero: cosa ti hanno lasciato? “Che cosa mi hanno dato le esperienze allestero? Mi hanno dato tanto, a volte quando mi chiedono quale è stata la mia svolta calcistica dico sempre che è stato giocare allestero. Ho vinto tanti titoli ed ognuno rappresenta una grande soddisfazione. Però certo che aver fatto due gol in finale di Coppa Uefa è stato un momento formidabile. Ma sono fortunato perché ho avuto tanti momenti belli nella mia carriera”. Il tuo sbarco a Palermo è avvenuto l’altro ieri sera: questo è il tuo secondo giorno in rosa. Le tue prime impressioni? “Io sono qui da due giorni, però ho visto ieri un allenamento molto intenso, tanti contrasti, tanta intensità, penso dipenda dallallenatore che ah adesso il Palermo. In questo momento il Palermo è la squadra più forte del campionato, anche perché siam primi ma conterà a fine stagione”. Ultima chiosa su Gaetano Berardi, difensore e all’occorrenza terzino attualmente in forza alla Sampdoria. Arriverà al Palermo? “Non so se sia stato veramente cercato dal Palermo, ma posso dire che fa sempre comodo uno come lui perché è un combattente ed un grande lavoratore. E un difensore che sa farsi valere dietro”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy