Lippi: “Grazie 2008, desideravo ridiventare Ct”

Lippi: “Grazie 2008, desideravo ridiventare Ct”

Il ct azzurro Marcello Lippi ammette che “se nel 2008 alcune vicende calcistiche non fossero andate come sono andate, forse oggi non sarei di nuovo alla guida della Nazionale. Ma alla fine ho potuto.

Commenta per primo!

Il ct azzurro Marcello Lippi ammette che “se nel 2008 alcune vicende calcistiche non fossero andate come sono andate, forse oggi non sarei di nuovo alla guida della Nazionale. Ma alla fine ho potuto riprendere il mio posto. Quello è stato il momento più significativo dellanno”. Se lItalia non fosse stata eliminata dallEuropeo durante la gestione Donadoni, difficilmente il tecnico di Viareggio sarebbe tornato alla guida della Nazionale portata alla vittoria nel Mondiale del 2006. “Ho desiderato fortemente tornare alla guida della squadra azzurra – dice lallenatore toscano a RMC – Ora ho ripreso il mio posto e ho lopportunità di ricostruire in tempo un gruppo valido da portare ai prossimi mondiali. Ma non è una vera e propria ricostruzione, ho preso in gestione una squadra già avviata. Sarebbe stato più difficile prendere una squadra da mettere in moto. Si tratta solo di costruire di nuovo un gruppo affiatato e ho ancora due anni di tempo. Partiamo da un gruppo splendido che ha vinto il Mondiale e buona parte di quei giocatori rimarranno a fare parte della squadra. Certo bisogna ringiovanire, anche perchè la carta didentità di qualcuno nel 2010 sarebbe impietosa”. Il tecnico azzurro poi rivela nuove convocazioni: “Aprirò le porte anche ad alcuni ragazzi dellUnder 21, ma gli azzurrini a giugno hanno lEuropeo ed è giusto che facciano questa esperienza. Quando parlo dei giovani, comunque, penso anche a ragazzi di 24-25 anni come Pepe, Aquilani e Montolivo”. (DG)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy