L’erba del vicino: Roma non fa la stupida…

L’erba del vicino: Roma non fa la stupida…

di Roberta Siino La Roma che questa sera affronterà il Palermo, è una squadra diversa rispetto a quella battuta per 3-1 al “Barbera” nella seconda giornata del campionato di.

Commenta per primo!

di Roberta Siino La Roma che questa sera affronterà il Palermo, è una squadra diversa rispetto a quella battuta per 3-1 al “Barbera” nella seconda giornata del campionato di serie A. E’ una squadra, quella giallorossa che soltanto nell’ultimo periodo ha iniziato a prendere consapevolezza dei propri mezzi, ricominciando a macinare gioco e punti proprio come nelle stagioni passate. Già, perché il campionato disputato finora dagli uomini di Spalletti, è un campionato strano, quasi bizzarro. Non ci sarebbe nulla di strano se la squadra in questione non fosse quella capitolina, costruita in estate, nonostante la partenza importante di Amantino Mancini, destinazione Inter, per ripetere non solo i risultati dello scorso campionato ma, anche per ambire ad obiettivi più prestigiosi ed in grado di competere con le due milanesi e con la rinata Juventus. Invece no. Totti e compagni hanno avuto un inizio di campionato un po’ tribolato, per non dire da incubo, fatto da numerose sconfitte, ben sette, e condizionato dagli infortuni di alcuni suoi uomini, fra tutti capitan Totti e Aquilani. La compagine capitolina si è ritrovata in poco tempo nell’occhio del ciclone, contestata non solo dai tifosi nel centro sportivo di Trigoria ma anche dalla stampa locale e nazionale. Persino il tecnico Spalletti era stato messo in discussione, azzardando anche un passaggio del testimone al suo collega rossonero Ancelotti. Proprio il tecnico toscano, lui che negli anni passati aveva messo su una squadra dove gli ingranaggi funzionavano alla perfezione e che adesso si è ritrovato una squadra che conta più sul gioco dei singoli come Vucinic e Baptista che sul gioco corale. Ma dopo un inizio disastroso, la banda Spalletti si è ripresa, risalendo la classifica, posizioni dopo posizioni. Il cambiamento sembra esser avvenuto dopo l’inaspettata batosta per 3-2 contro il Catania, prima della sosta natalizia. Così, le due ultime vittorie in trasferta dei giallorossi, rispettivamente contro Torino e Napoli, precedute da un’altra vittoria, quella del recupero contro la Sampdoria, hanno riportato entusiasmo e fiducia ai giallorossi, che adesso si ritrovano con 33 punti in classifica, uno in più del Palermo. L’obiettivo della banda Spalletti, ribadito più volte anche dalla presidentessa Rosella Sensi, rimane il tanto agognato quarto posto, necessario per la qualificazione alla prossima Champions League, specialmente adesso che il divario d’inizio stagione con le altre pretendenti si è ridotto. Gli uomini di Ballardini sono avvisati….

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy