FOSCHI”Pastore a Napoli con Cavani per Scudetto”

FOSCHI”Pastore a Napoli con Cavani per Scudetto”

Intervenuto a Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete”, l’ex ds rosanero Rino Foschi ha parlato di Edinson Cavani e Javier Pastore, tandem che si augura di rivedere insieme a.

Commenta per primo!

Intervenuto a Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete”, l’ex ds rosanero Rino Foschi ha parlato di Edinson Cavani e Javier Pastore, tandem che si augura di rivedere insieme a Napoli. “Quando ho visto Edy in Uruguay ero convinto di essere davanti ad un giocatore in prospettiva, lui giocava come prima punta e aveva l’atteggiamento di quelli che tornano, che si sacrificano. È proprio questa la sua qualità migliore, insieme alla corsa. Ero convintissimo che avesse un futuro roseo, tant’è vero che quando venne a Napoli ero convinto che De Laurentiis avesse fatto un colpo di mercato enorme. Cavani può diventare capocannoniere, e sono convinto che possa ancora migliorare – le parole di Foschi riportate da “Tuttonapoli” – Pastore ha fatto passi da giganti con Delio Rossi, ma Pastore e Cavani sono due giocatori diversi. Uno è un centrocampista offensivo e l’altro è una prima, seconda punta. Pastore, è argentino, fa parte della Nazionale, ha avuto una visibilità enorme, è un giocatore molto chiacchierato, ma deve dimostrare ancora tanto. Cavani è stato pagato poco rispetto a quanto vale, è stata una vera e propria sorpresa. Sono due giocatori importanti ma Pastore deve ancora completarsi. Credo che potrebbero giocare insieme in una piazza come Napoli facendo rivivere i bei tempi dell’epoca di Maradona! Attualmente Cavani non costerebbe meno di 50 milioni. Sicuramente vale almeno il doppio di quanto l’ha pagato il Napoli. Il Palermo lo acquistò a poco meno di 4 milioni, ma c’è da dire che non era il Cavani di oggi. Il Napoli l’ha preso in un momento particolare perché Zamparini prima che arrivasse il Napoli chiedeva 30 milioni per Edinson”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy