ESCLUSIVA ZAMPARINI A MEDIAGOL “Sarà Sannino a portare Palermo ad alti livelli, potremmo lottare sin da subito per lEuropa”

ESCLUSIVA ZAMPARINI A MEDIAGOL “Sarà Sannino a portare Palermo ad alti livelli, potremmo lottare sin da subito per lEuropa”

Mediagol.it vi propone lintervista esclusiva integrale realizzata ieri da Leandro Ficarra e Sarah Castellana durante lo “Speciale Mercato” in onda su Radio Action con il presidente del Palermo,.

Commenta per primo!

Mediagol.it vi propone lintervista esclusiva integrale realizzata ieri da Leandro Ficarra e Sarah Castellana durante lo “Speciale Mercato” in onda su Radio Action con il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini. ZAMPARINI:”ACQUISTI SOLO DOPO CESSIONI” “Cosa mi aspetto da Perinetti? Niente, stare sul mercato è molto difficile, non si muove nulla. Noi avevamo delle uscite da mettere a segno, ma senza le uscite non ci saranno neanche le entrate. Per la fascia sinistra noi abbiamo Mantovani e Garcia e ce li terremo. Il nostro allenatore lanno scorso con il Siena aveva dei giocatori che avevano fatto la Serie B e ha fatto diventare dei signori giocatori, e noi abbiamo dei giocatori che se addestrati bene possono diventare dei buoni giocatori anche loro”. Lo ha detto Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, intervistato in esclusiva da Mediagol.it a poco più di 24 dalla chiusura definitiva del mercato estivo 2012. “LLama, Ziegler e Mesbah per sostituire Balzaretti? Se non esce niente non entra niente – ha detto il patron -. Abbiamo un budget da rispettare, ma anche il Milan che se prima non cedono non comprano. Non ho una preferenza, nessuno di questi risolve il problema, forse è una questione psicologica, noi abbiamo perso un grande giocatore come Balzaretti che è voluto andare via a tutti i costi, noi del Palermo avevamo fatto una proposta sontuosa considerando le nostre possibilità. Non è facile sostituirlo, dovrà pensarci lallenatore visto che lanno scorso con il Siena ha fatto diventare forti tanti giovani che venivano dalla B e quindi può farlo anche con i nostri giocatori in organico visto che non sono scarsi”. ZAMPARINI:”Ok Dybala, spero cessione Migliaccio” Maurizio Zamparini ha parlato a Mediagol.it del perché le squadre di calcio come il Palermo hanno smesso di investire grosse cifre sul calcio. “Abbiamo avuto la “querelle Dybala” – ha detto Zamparini – che abbiamo risolto, ma questo è un mercato che è impazzito completamente. Migliaccio rischia di rimanere in rosanero? Speriamo di no, perché noi per accontentare lui abbiamo preso Rios. Un altro grave problema delle società di calcio, compreso il Palermo, che lo sappiano i tifosi, sono i costi. I ricavi diminuiscono dalla televisione sia dagli introiti dello stadio, e ci sono imprenditori in difficoltà con le aziende e non hanno più soldi da investire nelle aziende: io per esempio sono in difficoltà con le mie aziende perché le banche non ti danno più fidi, non si vende più come un tempo, non ti pagano gli affitti. E un paese in degrado e alla gente nascondono questa situazione. Si accorge di questo degrado quando torna la sera, rimane senza posto di lavoro e addirittura ha difficoltà anche per mangiare. Tutta la stampa dice che noi siamo con lo spread che migliora mentre la gente sta morendo sempre più di fame. In questo momento sono molto preoccupato per il paese, per i miei figli e i miei nipoti, e per tutti i quei giovani senza un posto di lavoro. Mi diceva una mia amica francese che se in Francia succedesse quello che sta succedendo in Italia ci sarebbe la rivoluzione”. ZAMPARINI: “COSA DICO AI TIFOSI DELUSI” ” Una parte della tifoseria teme un mio disimpegno o una mancanza di ambizioni? Questa è una situazione in Italia paradossale. Io non so cosa devo a questi signori, io ho investito, anzi profuso diverse decine di milioni in altri momenti nel Palermo Calcio, ma in questo momento, non solo io, ma tanti presidenti compresi Moratti e Garrone siamo in difficoltà”. Lo ha spiegato in esclusiva ai microfoni di Mediagol.it il presidente del Palermo Maurizio Zamparini. Il patron del club di viale del fante ha continuato invitando i tifosi a stare vicino alla squadra. “In questo momento il Palermo si è mosso tanto sul mercato – ha detto il presidente – e questanno il Palermo è forse la seconda per uscite perché quando lunedì faremo il rendiconto vedremo nel dettaglio entrante ed uscite. Noi naturalmente seguiamo il Palermo con oculatezza, i nostri migliori acquisti questanno saranno Sannino e Perinetti. Sono sicuro, inoltre che giocatori come Dybala e Rios si faranno apprezzare. Non so che dire a questi signori che muovono queste critiche, forse questi signori oggi hanno ventanni e quando siamo andati in Serie A avevano dieci anni e quindi sono abituati a dieci anni di Serie A senza ricordare la Serie C del Palermo. Per questo in questo momento delicato li invito a essere vicini alla squadra perché ha bisogno del loro tifo della città ed essere vicini in modo diverso. Non è che Zamparini debba loro qualcosa o io mi devo sentire costretto a comprare qualcuno, io rimango meravigliato per esempio quando la gente contesta Cairo perché se va via da Torino i granata tornerebbero in poco tempo in Serie B”. ZAMPARINI: “Qualche giocatore non è al top…” “Certamente avremo un campionato non facile”. Lo ha detto il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, intervistato in esclusiva da Mediagol.it. Nella lunga esclusiva il numero uno rosanero ha parlato di come sarà il prossimo campionato del Palermo, invitando a non farsi condizionare dal risultato col Napoli. “E vero che abbiamo allenatore nuovo, giocatori nuovi e cessioni importanti come quella di Balzaretti, qualche giocatore non ancora in forma come Hernandez o Donati e altri giocatori in difficoltà, ma abbiamo avuto la sfortuna di incontrare la squadra più in forma del campionato e malgrado tutta questa disfatta se non ci avessero negato un rigore grande come una casa saremmo andati sull1-1 e forse avremmo ribaltato la partita. E troppo facile giocare in contropiede con tutto il Palermo che prova a recuperare la partita, le ripartenze sono uno dei punti forti del Napoli, ma nessuno sa leggere la partita. E se gli arbitri non ci avessero tolto il dovuto, noi avremmo pareggiato la partita e sulle ali dellentusiasmo forse lavremmo potuta vincere. Hanno segnato al 48 del primo tempo e le due occasioni più grandi le abbiamo avute noi con un De Sanctis che ha parato distinto, due parate direi di “fortuna”. Mi dispiace che voi palermitani abbiate una visione così. Il Napoli è una squadra uguale da quattro anni e giocano a memoria. Noi dovendo recuperare i gol del primo tempo abbiamo aperto degli spazi che loro hanno aggredito come sanno fare. Erano chiusi in difesa quando attaccavamo e poi provavano il contropiede. Sono bravi, ma con qualche episodio favorevole… Per non pensare allanno scorso, ci hanno tolto almeno 15 rigori e non vorrei che la stagione sia iniziata nello stesso modo dellanno scorso”. ZAMPARINI: “NOSTRI ABBONATI COME SIENA” Non sono finiti i tempi in cui il Palermo poteva ambire alla lotta per la qualificazione alle coppe europee. Lo ha detto Maurizio Zamparini, convinto che il lavoro di Sannino porterà presto il Palermo ad alti livelli. “I tifosi vorrebbero sentirmi dire che il Palermo tornerà a lottare per lEuropa? Io penso davvero che potremmo lottarci sin da questanno – ha detto Zamparini a Mediagol.it -, secondo me capite poco di calcio, perché questa è una squadra attrezzata per lEuropa ma bisogna aspettare che Sannino la metta a posto. Io conosco le considerazioni di “quella” parte di pubblico. Il Palermo ha fatto 9.200 abbonati, praticamente come il Siena”. ZAMPARINI: “Stadio rugby degrado no colpe” Dopo la polemica sollevata dal presidente del Palermo Rugby sullimpianto sportivo non idoneo che lo ha costretto a ritirare la squadra dalla Serie B, ha replicato il presidente del Palermo Maurizio Zamparini. “Al di là della grande simpatia che ho per il rugby, che ritengo uno sport più vero del calcio – ha dichiarato Zamparini a Mediagol.it – noi abbiamo un progetto per il nuovo stadio al “Velodromo”, ma è una cosa in itinere e ancora non definita. Con il presidente Rubino – ha detto il presidente del Palermo – avevamo parlato in passato e gli avevo detto che qualora il velodromo fosse stato adibito ad altro uso, avremmo dato una mano anche al rugby. In questo momento il velodromo è già fatiscente per conto suo e non certamente per causa nostra. Mi dispiace per il rugby ma noi non centriamo niente. Il presidente del Palermo Rugby è molto simpatico, il rugby è un bellissimo sport e invito i giovani a giocarci, ma in questa questione il Palermo Calcio non centra niente”. ZAMPARINI:”STADIO? NO PROBLEMA POLITICO” Maurizio Zamparini ha spiegato a Mediagol.it quali sono le problematiche che impediscono attualmente al Palermo di costruire il nuovo stadio, progettato e atteso ormai da diverso tempo. “Il nuovo stadio al Velodromo? Stiamo parlando con lamministrazione comunale – ha detto Zamparini in esclusiva a Mediagol.it – Adesso il problema non è tanto quello politico perché siamo in sintonia con il sindaco Orlando, con lamministrazione comunale, ma cè qualcuno che dice “giù le mani dalla città” e io dico a questa signora di farlo lei questo stadio. Solo che creare uno stadio in questa Italia vuol dire creare nuovi posti di lavoro e opportunità in questa Sicilia che non sta facendo niente. Purtroppo il sistema creditizio e il sistema sportivo che aiuta a costruire gli stadi è molto in difficoltà. Il problema economico è molto importante ed è difficile poter pensare in questo momento ad unopera del genere. Se avessi dei soldi da investire e dovessi scegliere tra un nuovo stadio e una fabbrica sceglierei di costruire questultima. Pur creando lo stadio centinaia di posti di lavoro, in questo momento la difficoltà non è tecnica, ma economica. Quelli che pensano che fare lo stadio è un affare vengano loro e poi io gli pago tre, quattro milioni di euro allanno”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy