Editoria: “Chiedetelo al pallone” di Bagnati

Editoria: “Chiedetelo al pallone” di Bagnati

“Chiedetelo al pallone”, è questo il titolo dellultimo lavoro del giornalista palermitano Giuseppe Bagnati, vice capo redattore della redazione romana della Gazzetta dello Sport. Il titolo.

Commenta per primo!

“Chiedetelo al pallone”, è questo il titolo dellultimo lavoro del giornalista palermitano Giuseppe Bagnati, vice capo redattore della redazione romana della Gazzetta dello Sport. Il titolo prende spunto dalla risposta che diede Manlio Scopigno, allenatore del Cagliari dello scudetto, ad un giornalista che gli chiedeva se il fallo di mano di un difensore avversario fosse volontario. A Scopigno è dedicato, sotto forma di dizionario filosofico, anche uno dei capitoli di questo libro che raccoglie singolari storie di calcio. C’è anche un po’ di rosanero nelle pagine scritte da Bagnati: nel capitolo su Cassano, l’attuale allenatore del Palermo, Bortolo Mutti, racconta dei suoi due gol segnati al Milan quando era al Taranto e racconta quella partita insieme a Natale Picano, palermitano ed ex rosanero, che giocava in quel Taranto. Nel capitolo UNA STATUA AL MASSIMO, dedicato al palermitano Massimo Taibi viene ricordato un evento storico: quando Maurizio Zamparini, allora presidente del Venezia, prima esonera l’allenatore, ma subito dopo ci ripensa dopo aver sentito i giocatori. Il volume, la cui prefazione è stata scritta dal direttore di Skysport24 Massimo Corcione, sarà presentato domani venerdì 2 marzo alle 18 presso il Club Canottieri Roggero di Lauria di Viale delle Palme, 20 a Mondello (Palermo). Saranno presenti, oltre allautore, i giornalisti Vincenzo Prestigiacomo e Gaetano Sconzo. Ecco tutte le storie presenti allinterno del libro: FISCHIEREMO MEAZZA Racconta l’esordio in Nazionale di Meazza fischiato dai tifosi del Napoli, perché aveva tolto il posto in azzurro al loro idolo Sallustro. IL CENERENTOLO DI NAPOLI Ela vicenda di un tifoso napoletano che lancia le scarpe all’arbitro e lascia lo stadio con uno stratagemma beffando la polizia. L’ARBITRO CHE NON C’E’ E Ernesto Figuccia, cui venne cambiato il nome in Fiduccia, caso unico di censura federale TOGLIETE UN POSTO A TAVOLA E il pranzo negato in un ristorante napoletano all’attaccante del Catania Morelli, che l’anno prima aveva fatto gol al Napoli. LA BEFFA DELLA CENA Racconta l’invito al ristorante di un tifoso palermitano a Milano ai giocatori del Palermo. Ma il ristorante non era il suo. IL DISCO DI LO BELLO E uno degli episodi meno conosciuti del’arbitro siracusano, che si fece incidere il coro “duce duce” a lui dedicato a Firenze. LE MONTAGNE RUSSE DI JANICH Racconta le disavventure in Nazionale di Franco Janich, che giocò contro Cile nel 62 e Corea nel 66, vincendo lo scudetto col Bologna nel 64. DAJE DE TACCO E la storia di Fabio Enzo, ex centravanti della Roma, che tirò per scommessa un rigore di tacco colpendo il palo LA SPINA DI PIANTA E’ UN 9-3 è la storia di Pietro Pianta, portiere dell’Atalanta, che partecipò alla partita con più gol nella storia del calcio italiano. C’ERA UNA VOLTA UN ALTRO CASSANO Racconta di Nicola Cassano, che giocava nel Taranto e che nel 1980 segnò un gran gol al Milan. UNA STATUA AL MASSIMO E quella per Taibi, portiere della Reggina, dopo un gol segnato di testa all’Udinese. Il libro “Chiedetelo al Pallone” di Giuseppe Bagnati è in vendita on line sul sito www.antipodes.it al costo di 12,00 euro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy