Di Marzio: “La storia di Radoslaw Matusiak”

Di Marzio: “La storia di Radoslaw Matusiak”

Mediagol.it vi propone un lungo articolo pubblicato sul blog del giornalista Gianluca Di Marzio sulla storia tribolata dellex attaccante del Palermo Radoslaw Matusiak. “Dalla Polonia alla Sicilia. E.

Commenta per primo!

Mediagol.it vi propone un lungo articolo pubblicato sul blog del giornalista Gianluca Di Marzio sulla storia tribolata dellex attaccante del Palermo Radoslaw Matusiak. “Dalla Polonia alla Sicilia. E ritorno, per una favola senza lieto fine. E’ la storia di Radoslaw Matusiak, punta classe ’82 dal volto spento e nordico. Un attaccante su cui il calcio polacco ha puntato tanto. Perché dall’età di 15 anni, il giovane Radoslaw è un bomberino che promette bene. Cresce nel Lodz, dove muove i primi passi tra il ’97 e il 2002. Matusiak intriga, si muove bene, qualcuno giura sia la punta del futuro. “Ha movimenti alla Van Basten”, scrivono. Il ragazzo dai 15 ai 20 anni, nella parentesi al Lodz, segna tre gol. Dopo una girandola di prestiti tra prima e seconda divisione polacca, per farsi le ossa, è il 2004 quando decide di investire concretamente su di lui il Bee#322;chatów, società che nel 2007 ha anche centrato la qualificazione in Coppa Uefa. In tre stagioni, un Matusiak ormai maturo firma la propria esplosione: 30 gol in 78 presenze, numeri importanti per il calcio polacco. Tanto che il c.t. Leo Beenhakker non perde tempo nel convocarlo in nazionale. Il ragazzo è in rampa di lancio, gli osservatori europei – specialmente nella sua ultima annata al Bee#322;chatów – lo monitorano con attenzione. Radoslaw ha compiuto da pochi giorni 25 anni quando arriva finalmente la chiamata dall’Europa che conta. E’ il gennaio del 2007, il Palermo decide di investire su di lui. L’infortunio di Amauri pesa tanto per Guidolin. E allora Zamparini sceglie l’investimento su Matusiak, la punta polacca che fa parlare di sé. Al Bee#322;chatów vanno circa 2 milioni di euro, Matusiak firma un contratto per tre stagioni e mezza. E arriva a Palermo quasi in pompa magna. Per Radoslaw è l’occasione della vita. Per il club la scommessa è totale, il ragazzo incanterà più fuori dal campo che dentro. Già dalla conferenza stampa di presentazione, tutto un programma: Matusiak si paragona per caratteristiche a “una via di mezzo tra Ibrahimovic e Van Basten”, sotto gli occhi della moglie che osserva la conferenza. Mentre il Palermo fa sapere che sul giocatore c’era anche il Villarreal come diverse società europee pronte a prenderlo. Tra queste, il padre-manager di Matusiak aveva rivelato di un Aston Villa interessato. Insomma, Radoslaw incuriosisce il presidente Zamparini, il Palermo e tutti i suoi tifosi. La punta polacca, però, è molto più sfrontata davanti a microfoni che in campo. Guidolin parlerà di “problemi di comunicazione”, in realtà il verdetto del campo è agghiacciante. L’esordio in Serie A è in un Palermo-Milan di fine febbraio, l’allenatore lo getta nella mischia. Matusiak è un fantasma. Papà Januzs osserva gli allenamenti e chiede perché suo figlio non giochi mai. La situazione diventa paradossale, i sei mesi di Radoslaw a Palermo passano dal tutto al nulla. Una matricola che diventa meteora. Matusiak totalizzerà altre due presenze, una da subentrato nel derby contro il Messina, l’altra alla terz’ultima giornata contro l’Ascoli già retrocesso, a metà maggio. Incredibile ma vero: il Palermo crolla e perde 3-2, la meteora Radoslaw trova la via del gol. Il triste messaggio di addio di una punta che doveva essere un mix tra Van Basten e Ibrahimovic. E invece, è stato semplicemente un flop. Alla fine del calvario durato sei mesi, il contratto triennale diventa carta straccia. Il Palermo, però, riesce a chiudere un’operazione economicamente vantaggiosa: per Matusiak si fa avanti l’Heerenven, la cessione viene conclusa a più del doppio rispetto a quel milione e ottocentomila euro spesi per portarlo in Italia. La lezione palermitana non era bastata, evidentemente. Perché Matusiak anche in Olanda delude: 10 presenze e 2 gol in 6 mesi, ritorno in Polonia a gennaio con la formula del prestito, al Wisla Cracovia. Intanto, Radoslaw ha perso la nazionale e anche a Cracovia segna la miseria di sole 2 reti. A fine stagione, nel 2008, pensa al ritiro. Vuole diventare uomo d’affari, ma la voglia di giocare è ancora tanta. Alla caccia di un riscatto che non arriverà mai più. Tra Widzew e#321;óde#378;, Cracovia e l’avventura all’Asteras Tripoli dello scorso anno, Matusiak segna 9 reti in 4 anni. Il prospetto che incantava la Polonia e si era preso la nazionale, ormai, è involuto in se stesso. Una parabola discendente che parte dalla terra polacca e arriva a Palermo. E’ la storia di Radoslaw Matusiak: uando “un mix tra Ibra e Van Basten”, in realtà, non è altro che una meteora…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy